breaking-news, Italia

Aumento sigarette fino a 30 centesimi ecco a quali marche

Stangata-per-le-sigarette-low-cost-in-arrivo-aumento-fino-a-30-centesimi

Il ministero dell’Economia sta per approvare un provvedimento che prevede l’aumento delle sigarette, definite low cost, che hanno un costo per pacchetto da 4,20 a 4,40 euro. In un primo momento l’aumento che si era ipotizzato era di 0,20 centesimi ma, dalle ultime notizie, sembrerebbe che l’incremento possa anche arrivare a 30 centesimi.

Un aumento che dovrebbe essere approvato dal prossimo consiglio dei Ministri e che dovrebbe entrare in vigore nei prossimi giorni.

Per i fumatori si prospetta un nuovo aumento delle tante amate sigarette. Sembrerebbe che allo studio, dei tecnici del ministero dell’Economia, ci sarebbe un aumento di 20 centesimi a pacchetto per le sigarette che hanno un costo che oscilla dalle 4,20 ai 4,40 euro. La decisione di far lievitare il costo delle sigarette scaturirebbe dall’aumento della tassa sul fumo che, secondo i tecnici del ministero, ora inciderebbe non le misura adeguata sulle sigarette che hanno un costo minore.

L’aumento delle sigarette avverrebbe con un provvedimento diretto del ministero dell’Economia. Il ministero dell’Economia dovrebbe presentare a giorni un disegno legge che dovrà in seguito essere approvato dal governo senza passare dall’approvazione del parlamento.

Le sigarette che dovrebbero subire l’aumento di 20 centesimi sono quelle prodotte dalla John Player Special, dalla Chesterfield e le Gauloises. Per diventare ufficiale l’aumento dovrà, quindi, essere emanato il decreto legge, che secondo i ben informati potrebbe essere approvato già in questa settimana.

Sul piede di guerra ci sono i produttori delle sigarette che asseriscono che vi sia una norma secondo la quale l’ accise può essere aumentata solo nel caso ci sia stato un gettito fiscale negativo nell’anno precedente. Da quanto reso noto dallo stesso ministero dell’Economia il gettito fiscale sulle sigarette anche per l’anno 2015 è stato largamente positivo rispetto al 2014.

I produttori quindi ritengono che un aumento delle sigarette, così come prospettato dal ministero dell’Economia, possa essere illegale. Si attendono maggiori delucidazioni dai tecnici del ministero dell’Economia anche se sembra quasi certo che già nei prossimi giorni ci possa essere l’aumento per le sigarette meno care dai 20 ai 30 centesimi a pacchetto.