breaking-news, Italia

Gatto sopravvive 8 giorni in una scatola spedita per sbaglio per posta

Inghilterra-un-gatto-sopravvive-8-giorni-in-un-pacco-inviato-per-posta

Uno sbaglio che poteva essere rimpianto per tutta la vita quello fatto da una coppia di giovani che ha rinchiuso Cupcake, il loro gatto siamese, in un pacco contenente anche dei dvd inviato per posto ad un conoscente.

Il gatto è riuscito a sopravvivere per otto lunghi giorni senza toccare cibo. Una volta arrivato a destinazione il pacco, il gatto è stato prima visitato da un veterinario e poi è tornato fra le braccia dei suoi padroni che pensavano di non ritrovarlo più.

Un errore che poteva costare la vita ad un piccolo gatto siamese quello commesso dai suoi proprietari che inavvertitamente lo hanno chiuso in un pacco ed inviato per posta.

Il gatto, che si chiama Cupcake, è sopravvissuto per 8 giorni dentro la scatola senza bere e mangiare. La coppia di padroni di Cupcake vive in un piccolo paese della Gran Bretagna a Cornwall. Il pacco era stato spedito, e il gatto rinchiuso dentro, a West Sussex un paese del Regno Unito. Nel pacco con il gatto erano stati spediti alcuni Dvd. Il destinatario del pacco è rimasto chioccato alla sua apertura vendendo il gatto siamese ancora vivo ma disidrato.

La persona che si è ritrovata il gatto nel pacco ricevuto via posta ha subito avvisato una società inglese che cura gli animali.

I veterinari hanno visitato il gatto e tramite il micro-chip sono riusciti a rintracciare i suoi padroni. Julie Baggott, la proprietaria del gatto, appresa la notizia del suo ritrovamento è scoppiata a piangere. La donna ha detto che lo ha cercato ovunque ma senza riuscire a ritrovarlo.

Il gatto ora è ritornato con i suoi padroni e dopo qualche giorno sta decisamente meglio anche se forse non dimenticherà mai la bruttissima avventura.

I proprietari del gatto hanno dichiarato ai giornali inglesi che la prossima volta che invieranno tramite posta un pacco saranno molto attenti prima di chiuderlo e spedirlo.

Il servizio postale Royal Mail ha reso noto che non accetta l’invio di animali vivi. Dieci anni fa un ragazzo inviò ad un suo amico un’aragosta viva. Il ragazzo fu individuato e dovette pagare una multa salatissima di 750 sterline. L’aragosta riuscì però a rompere il pacco e a scappare via.