breaking-news, Italia

Enrico Letta dimissioni: ultime notizie ora tocca a Renzi la Presidenza del Consiglio

Enrico-Letta-dimissioni-ultime-notizie-ora-tocca-a-Renzi-la-Presidenza-del-Consiglio

Alla fine il Partito Democratico si è dimostrato unito con il suo leader Matteo Renzi.

La stragrande maggioranza della dirigenza del partito Democratico ha votato per un nuovo esecutivo che cambi radicalmente passo ( sono stati 136 i sì, 16 i no e 2 i dirigenti del partito che si sono astenuti).

Matteo Renzi, come aveva ampiamente anticipato, è stato chiaro nel suo discorso tenuto a Roma alla sede storica del partito democratico alla presenza di tutti i dirigenti del Pd.

“Il paese ha bisogno di un cambiamento radicale” queste sono state le prime parole pronunciate dal Sindaco di Firenze e ormai prossimo Presidente del Consiglio.

In direzione la tensione era palpabile ed Enrico Letta ha preferito non essere presente in modo che il partito decidesse senza l’ulteriore pressione provocata dalla sua presenza.

Matteo Renzi ha anche ringraziato Enrico Letta per il lavoro fin qui svolto ma ha ribadito la necessità del cambio di passo con un nuovo esecutivo che dia delle risposte in tempi celeri agli italiani.

Le prossime mosse saranno che domani mattina Enrico Letta salirà al Colle dal Presidente Napolitano per rassegnare le dimissioni come annunciato dallo stesso Presidente del Consiglio uscente con la seguente nota: “A seguito delle decisioni assunte oggi dalla Direzione nazionale del Partito Democratico, ho informato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, della mia volontà di recarmi domani al Quirinale per rassegnare le dimissioni da presidente del Consiglio dei ministri”.

Subito dopo Napolitano farà un breve giro di consultazioni con le parti sociali e con le delegazioni dei partiti per poi dare il mandato come nuovo Presidente del Consiglio a Matteo Renzi.

Subito dopo toccherà a Renzi sentire il parere sul suo programma di tutte le forze politiche presenti in parlamento ed in seguito presentare il proprio esecutivo e chiedere la fiducia sia alla Camera dei Deputati che al Senato della Repubblica.