breaking-news, Italia

Vigevano, ladro di galline è gravissimo è stato colpito da una freccia

Vigevano-ladro-di-galline-è-gravissimo-colpito-da-una-freccia

Una freccia ha colpito all’addome un ladro di galline che ora è ricoverato in prognosi riservata ed è in pericolo di vita.

L’incredibile evento si è verificato a Vigevano dove un filippino di 67 anni da diverso tempo trasferito in Italia, dopo essere stato vittima di numerosi furti, ha deciso di difendere il suo pollaio con un sistema molto artigianale.

L’uomo di 67 anni ha installato lungo tutto il perimetro del pollaio un filo molto teso quasi all’altezza del suolo. Il filo una volta toccato metteva in funzione un arco che lanciava una freccia nel punto esatto dove era posizionato il ladro.

Il ladro è un nomade italiano di 54 anni che abita a Vigevano ed il tentativo di furto è avvenuto nella notte tra sabato e domenica.

Il nomade subito dopo essere stato ferito dalla freccia lanciata dall’arco è stato soccorso da un suo complice. Il complice ha caricato l’uomo di 54 anni nella sua macchina e poi ha scaricato il suo corpo all’ingresso dell’ospedale “Beato Matteo”.

La mattina della domenica il nomade è stato subito sottoposto ad un intervento chirurgico per l’asportazione della freccia. L’uomo è ora ricoverato presso il centro di rianimazione dell’Istituto clinico “Beato Matteo” e le sue condizioni sono disperate.

I medici dell’ospedale di Viggiano hanno avvisato dell’accaduto la polizia che ha iniziato ad indagare sull’accaduto.

La polizia, dopo alcune indagini, è riuscita a ricostruire l’accaduto. Le forze dell’ordine si sono recate sul posto dove era il pollaio ed hanno iniziato ad effettuare una ricostruzione su come poteva essere avvenuto il ferimento del nomade.

La polizia è riuscita a scoprire l’ingegnoso antifurto inventato dal filippino per proteggere il suo pollaio. Le forze dell’ordine hanno fermato e interrogato il filippino.

L’uomo di 67 anni proprietario del pollaio risulta essere ora indagato per il reato di lesioni personale aggravate.