breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Giancarlo Magalli nella bufera, i calabresi a mezzogiorno scippano le vecchiette

 

giancarlo-magalli

Giancarlo magalli, conduttore della trasmissione giornaliera che va in onda su rai 2 ogni giorno a mezzogiorno “I fatti vostri” ha pronunciato una frase che lo ha coinvolto in una bufera.

E’ accaduto che durante una puntata del suo programma, mentre era intento a effettuare la telefonata solita, ha fatto squillare il telefono per ben cinque volte dopo di che ha capito che in casa non c’era nessuno e ha detto:”Ci abbiamo provato anche oggi… Se poi voi andate in giro a scippare le vecchie non è colpa nostra” e poi ha aggiunto: “Lo fanno… lo fanno, non stanno a casa perché a quest’ora si danno a queste attività criminali…”.

Poco dopo l’Unione Difesa Consumatori è intervenuto chiedendo l’intervento degli organi di vigilanza Rai oltre ad una sanzione per Magalli.

Il Presidente Nazionale dell’U.Di.Con., Denis Nesci ha dichiarato: “Le dichiarazioni rilasciate dal conduttore Giancarlo Magalli, nel corso del programma andato in onda il 15 novembre all’orario di punta, sono quanto mai offensive e discriminatorie nei confronti di tutti gli abitanti calabresi. Un conduttore con l’esperienza di Magalli, considerato tra i volti simbolo delle tv pubblica, tra l’altro pagato dai tutti i contribuenti, non può assolutamente lasciarsi andare a simili affermazioni, per questo abbiamo provveduto ad inviare alla Rai e all’organo di vigilanza una segnalazione, affinchè prendano i dovuti provvedimenti; quanto accaduto deve essere un segnale importante nel rispetto della dignità e onorabilità di tutti gli italiani”.

Nel comunicato si legge anche che ” … Il fatto sopra descritto non può essere considerato una mera gaffe, bensì un attacco diretto e immotivato alla dignità e alla rispettabilità di un’intera popolazione. Non dobbiamo inoltre dimenticarci che tutti i telespettatori pagano il canone Rai consentendo la messa in onda tutti i giorni di programmi come “I Fatti Vostri”, contribuendo a pagare peraltro lo stipendio anche del Sig. Magalli”.