breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Robin Williams esaudì ultimo desiderio di Jessica Cole bambina malata di cancro

Robin-Williams-esaudì-ultimo-desiderio-di-Jessica-Cole-bambina-malata-di-cancro

Nel 2004 Robin Williams senza volere assolutamente far sapere nulla per non avere la minima pubblicità volò da San Francisco fino al North Carolina per esaudire l’ultimo desiderio di una bambina aal quale i dottori avevano diagnosticato un cancro al cervello che dopo poco tempo morì.

Solo dopo sette giorni dalla morte dell’attore, che è riuscito con i suoi numerosi film che resteranno nella storia del cinema molte volte a far ridere altre a far piangere milioni di persone, la notizia del nobile gesto di Robin Williams è stata resa nota.

A pubblicare la notizia del bel gesto di Robin Williams è stato “WFMY News”  famosa testata giornalistica  degli Stati Uniti D’America.

Jessica Cole era una bambina che abitava in North Carolina purtroppo malata di cancro al cervello che pian piano la stava portando via.

Questa sfortunatissima bambina aveva un grande desiderio incontrare Robin Williams l’attore che aveva interpretato il film “Mrs. Doubtfire”.

Robin Williams seppe del desiderio della bambina e non ci pensò un attimo prese l’aereo e volò in North Carolina per passare un intero pomeriggio con la sua piccola fan.

E’ stato il padre di Jessica Cole a raccontare il grande gesto dell’attore deceduto solo 7 giorni fa con le seguenti parole: “È stato divertentissimo passare del tempo con lui, si è comportato proprio come nei suoi film. Lui e Jessica hanno giocato insieme a carte e guardato una partita di football alla tv”.

Jessica era felicissima per aver incontrato il suo attore preferito ma pochi giorni dopo il suo stato di salute peggiorò e morì dopo solo due mesi dall’incontro con Robin Williams.

A Robin Williams quella bambina è rimasta sempre impressa nella sua memoria e continuò nella sua opera silenziosa di aiutare le persone che soffrono recandosi spesso all’Ospedale dei Bambini St. Jude dando un po’ di conforto ai piccoli pazienti e sostenendone economicamente l’opera di ricerca.