Salute & Benessere

Tumore ai polmoni, anche i non fumatori a rischio, ecco quando

Tumore ai polmoni, a rischio non solo i fumatori ma anche i non fumatori. Ecco spiegate le cause.

Il tumore ai polmoni è uno dei più frequenti purtroppo, ed anche uno dei più aggressivi. Sappiamo bene che il cancro è una delle patologie più insidiose che possano esserci. Ma quali sono le possibili cause che portano all’insorgenza della malattia?

Tumore ai polmoni uno dei più frequenti e aggressivi

Il cancro è una delle malattie più insidiose che esistano. Sicuramente il numero dei pazienti affetti da cancro sono aumentati negli ultimi decenni, nonostante comunque si sia anche alzata l’età media di ogni essere umano. E ‘migliorato lo stile di vita generale delle persone, ciò nonostante però, si continua ad avere un’impennata di tumori. Ad essere maggiormente colpiti sono per lo più le persone di età compresa tra i 45 anni ed i 70. Il tasso di sopravvivenza dalla scoperta della malattia, purtroppo è ancora molto basso. Si continua a morire di cancro ed a qualsiasi età.

Le cause dell’insorgenza di questa malattia

Il cancro ai polmoni è uno dei più frequenti e su questo non c’è proprio alcun dubbio. E ‘considerato anche uno dei più aggressivi. Stando a quanto è emerso da alcuni studi e ricerche, ad essere più colpiti sono per lo più gli uomini. Il motivo? Una delle principali cause è addebitabile al fumo e di conseguenza, si pensa he siano gli uomini più accaniti con il fumo. Quest’ultimo è una delle principali cause dei tumori ai polmoni. Il catrame e la nicotera è un mix davvero micidiale per i nostri polmoni. I danni sono retroattivi e questo vuol dire che quando smetti di fumare sigarette comunque continui ad essere a rischio. Il consiglio sarebbe quello di non fumare proprio, o comunque limitare più possibile le sigarette.

Colpiti anche i non fumatori, ma per quale motivo?

Non è detto però che sia solo ed esclusivamente il fumo a scatenare la malattia. Ci possono essere anche altre cause, come l’inquinamento atmosferico che di conseguenza colpisce indistintamente, anche i non fumatori. Alcuni studi hanno proprio esaminato alcuni casi e capito he alcune particelle dei veicoli a motore a combustione causano l’aumento delle cellule polmonari, come quelle cancerogene. Questo vuol dire solo che diverse persone, che non fumano e non hanno mai fumato in vita loro, possono essere colpiti ugualmente da questa malattia.