breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Ebola scatta allerta massima in Puglia, Asl pronto piano emergenza anti virus

Ebola-scatta-allerta-massima-in-Puglia-Asl-pronto-piano-emergenza-anti-virus

L’emergenza ebola continua nei paesi dell’ Africa occidentale maggiormente colpiti dal  virus.

Sono saliti a 1350 i morti accertati dall’inizio di quest’anno per il terribile virus dell’ebola.

La paura di un contagio attanaglia tutti i paesi del mondo dagli Stati Uniti d’America, dove vi sono stati due casi accertati di due medici che hanno contratto il virus in Liberia però sembra che ora grazie ad un vaccino segreto stiano meglio, all’Europa dove c’è stata una prima vittima in Spagna per la morte di un missionario spagnolo.

Anche in Italia la paura è tanta soprattutto nelle grandi città come Roma e Milano e nelle regioni più esposte agli sbarchi degli immigranti come Sicilia e Puglia.

Ricordiamo come ha anche asserito Giuseppe Ruocco, direttore generale del dipartimento della Prevenzione del ministero della Salute che il rischio di contagio in Puglia come in tutta Italia è assai remoto.

Giuseppe Ruocco spiega che  : “Misure straordinarie erano state adottate già lo scorso giugno, con la partecipazione del ministero della Difesa a Mare Nostrum. I medici del ministero della Salute sono imbarcati sulle navi che vanno nel canale di Sicilia e gli accertamenti sui migranti sono eseguiti al momento della prima assistenza alle imbarcazioni”.

Proprio in Puglia il terrore che il virus si propaghi è tantissimo perché il contatto dei medici e delle forze continue è continuo con i profughi provenienti da varie zone dell’Africa.

L’asl Puglia con sede a Bari ha diramato una serie di linee guida ed è pronta a far scattare un piano di emergenza anti virus ebola.

Le nuove direttive emanate dall’Asl di Bari che riguardano tutta la Puglia sono dirette a tutti i medici che gestiscono l’arrivo degli immigranti che dovranno prestare massima attenzione in caso di sintomi paragonabili a quelli dell’ebola come vomito, diarrea e febbre alta.

In caso vi sia un profugo che abbia uno di questi sintomi l’Asl Bari obbliga i medici ad indossare il camice monouso, gli appositi occhiali e copriscarpe e guanti in lattice.