breaking-news, Italia

Abolizione province: preoccupazione per circa 20 mila dipendenti per possibili tagli occupazionali

Abolizione-province-preoccupazione-per-circa-20-mila-dipendenti-per-possibili-tagli-occupazionali

L’abolizione delle Province è uno dei primi obiettivi dell’esecutivo Renzi che dovrebbe avvenire con l’approvazione della legge Delrio attuale sottosegretario della presidenza del consiglio.

Ma al momento non vi sono ancora novità sostanziali per tutti i numerosi lavoratori della provincia più di 20 mila che dovrebbero essere ricollocati.

In realtà le province non sono state ancora del tutto abolite ,si attende che il prossimo 11 settembre vi sai il voto del parlamento sui decreti attuativi, come del resto ha reso noto anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Delrio.

Per avere un quadro più chiaro su che fine effettivamente faranno le province bisognerà attendere la modifica della Costituzione dove è previsto l’organo istituzionale provinciale.

Ma nel frattempo sono tante le domande che attendono una risposta come quando avverranno e a quale ente saranno trasferiti i poteri ancora consistenti delle province e in quali enti saranno ricollocati i numerosi dipendenti.

Domande al momento senza risposta anche se in quest’ultimo periodo si vocifera che per  la spending review sono all’incirca 20 mila i dipendenti della provincia in  esubero.

Sull’argomento è intervenuto Alessandro Pastacci, presidente dell’Unione delle Province d’Italia, che ha così commentato la notizia dei possibili esuberi:”In un momento così complesso, nel pieno della fase di attuazione della riforma delle Province e con il Paese alle prese con una crisi drammatica, parlare di esuberi di 20.000 persone senza alcun fondamento è fuori luogo, e certo non aiuta a mantenere il clima sereno e propositivo che invece sarebbe indispensabile. Assunzioni clientelari’ quelle dei 56 mila dipendenti delle Province, che hanno sostenuto e superato un regolare concorso pubblico, personalmente lo trovo vergognoso”.

Ora non resta che attendere l’11 settembre quando sarà definitivamente approvata la legge Delrio e quando si spera che il governo faccia chiarezza sulle troppe domande ancora senza risposta.