breaking-news, Italia

Colorado donna aggredisce ragazza incinta per strappare il feto

Colorado-donna-aggredisce-ragazza-incinta-per-strappare-il-feto

Quella che stiamo per raccontare è una storia agghiacciante che è accaduta negli Stati Uniti d’America, la patria della democrazia e della libertà.

In Colorado una ragazza in dolce attesa di soli 26 anni è stata attirata con una trappola in una abitazione e poi le è stato tolto il feto tagliandole la pancia.
L’evento degno di un film d’orrore è accaduto a  Longmont una città che conta più di 70 mila abitanti nel Colorado.

La giovane donna incinta è stata attirata da un annuncio ingannevole apparso su un sito americano che diceva che erano in vendita dei vestititi a poco prezzo per neonati.

La ragazza dopo essersi sentita telefonicamente con l’inserzionista si è recata all’appuntamento in un appartamento a Longmont.

Ad aspettarla all’appuntamento c’era Dynel Lane una donna di 34 anni che, in un primo momento, è sembrata molto gentile con la ragazza di 26 anni in dolce attesa.

In seguito la donna di 34 anni ha afferrato un coltello ed ha tagliato la pancia alla ragazza rimuovendole il feto.

Dynel Lane con il feto rubato alla povera giovane donna si è recata in auto al vicino ospedale dove al pronto soccorso ha asserito che il figlio era suo e che era nato prematuramente in seguito ad un aborto spontaneo.

La ragazza vittima dell’atroce agguato nonostante la ferita che le provocava una grossa emorragia è riuscita a chiamare il pronto intervento delle forze dell’ordine denunciando l’accaduto.


Sul posto dove era avvenuto l’agguato sono subito intervenute alcune ambulanze e pattuglie della polizia locale.

La donna autrice dell’orribile agguato è stata arrestata mentre era ancora in ospedale.

Mentre la donna vittima dell’aggressione è stata trasportata in ospedale dove è stata sottoposta ad un delicato intervento.

La giovane donna ora è in cura presso l’ospedale della cittadina dove è stata aggredita e ci vorrà del tempo prima che guarisca completamente.

L’autrice dell’aggressione, invece, è stata interrogata per comprendere i motivi che hanno determinato il folle gesto e se, in passato, ne avesse compiuti altri simili.