Loading...

Vaccini, una mamma mostra in un video virale il suo bimbo con la pertosse

0
151
Vaccini-una-donna-mostra-in-un-video-il-suo-bimbo-colpito-dalla-pertosse

Vaccini-una-donna-mostra-in-un-video-il-suo-bimbo-colpito-dalla-pertosse

Un video che in pochissimo giorni è stato condiviso e cliccato da tantissime persone quello postato Rebecca Harreman una mamma australiana.

Il video girato da Rebecca Harreman, che riprende il suo piccolo di soli 4 mesi, è stato postato con il seguente messaggio: “Sono stanca, nelle ultime tre settimane mi sono svegliata ogni singola volta che il mio bambino tossiva per paura che smettesse di respirare”.

Il filmato in poco più di due giorni ha superato un milione e mezzo di clic ed ha ricevuto tantissimi commenti positivi ed alcuni anche negativi.

Il figlio di Rebecca Harreman, a soli quattro mesi, si è ammalato di pertosse e con il post del video la mamma australiana ha tentato di sensibilizzare le altre mamme sull’importanza di vaccinare i propri figli.

Rebecca Harreman ha spiegato, sempre su Facebook, il suo punto di vista sulla vaccinazione obbligatoria dei bimbi: “Bisogna vaccinare i bambini, non fare nulla è sbagliato. Forse questo video vi convincerà”.

La donna australiana ha detto che molti sono stati commenti arrivati sulla sua pagina Facebook  che  chiedevano di rimuovere il video anche con pesanti insulti.

Rebecca Harreman però ha voluto specificare che con il suo video: “Non intendo offendere nessuno con le mie idee, ma qualche anti-vaccinista pensa di poter dire che non sono autorizzata a condividere la mia esperienza personale”.

Anche in Italia come in altri paesi Europei, negli Stati Uniti d’America e in Australia è calato di molto il numero di bambini che sono stati vaccinati contro la pertosse.

Un recente studio ha verificato che i casi di pertosse nel mondo sono ogni anno quasi 50 milioni che provocano la morte di 300 mila bambini.

La pertosse colpisce tantissimi bambini in Europa ed il rischio di complicazioni è altissimo per questo tipo di patologia soprattutto quando i malati sono neonati.

https://www.youtube.com/watch?v=S7Uh–NN_b0

Loading...