breaking-news, Italia

Escalaplano ancora mistero sulla morte della ragazza folgorata sotto la doccia

Escalaplano-ieri-i-funerali-della-ragazza-morta-folgorata-sotto-la-doccia

Palloncini bianchi che hanno salutato per l’ultima volta Linda, a liberarli sono stati i suoi compagni di scuola.

Tanta gente presente ai suoi funerali tutto il paese di Escalaplano ha voluto esserci all’ultimo saluto della povera ragazza.

Tristezza e rabbia fra la gente per una morte assurda. Hanno accompagnato la bara bianca i due genitori di Linda, Luisa Demontis e il marito Emilio Marroccu distrutti dal dolore.

Il parroco del paese don Luigi Murgia ha così commentato il tragico incidente: “Quando ho sentito l’ambulanza arrivare a casa di Linda domenica ho pregato tutta la notte: prima perché si salvasse e poi perché la sua anima venisse accolta in paradiso. Ora che è passata anzitempo a miglior vita, non uscirà per sempre dalla sua famiglia e dalla comunità, ma continuerà a essere presente in tutti noi”.

Si sono svolti ieri a Escalaplano, la piccola cittadina sarda di soli 2 mila abitanti in provincia di Caliari, i funerali di Linda Marrocu la ragazza di 14 anni morta folgorata sotto la doccia di casa. I motivi della atroce morte della ragazza non sono ancora noti. Il magistrato ha dato mandato ad alcuni tecnici di visionare l’immobile e di comprendere quali sia state le cause di questa morta assurda.

La ragazza si era portata con sé in bagno, un locale in cortile poco distante dalla abitazione, una stufetta che sembra che sia stata la causa che ha determinato la scossa che ha provocato la morte della giovane. Linda Marrocu da settembre scorso frequentava il primo anno all’istituto alberghiero.

Sgomento e sconforto in tutta la città per la notizia della morte della povera ragazza. Il sindaco ha deciso di proclamare per ieri, giorno dell’ultimo saluto a Linda Marrocu, lutto cittadino. La prima a scoprire la morte della ragazza era stata la madre, che preoccupata del mancato ritorno della figlia, era andata a vedere cosa fosse successo alla stessa.

La madre, una volta aperta la porta del bagno, è rimasta chioccata vedendo il corpo della figlia quasi completamente ustionato. La corsa dei medici del 118 non è servita a nulla. I medici una volta arrivati sul posto dell’incredibile incidente non hanno potuto far altro che constare la morte della ragazzina.

Si apprende che nel paese di Escalaplano non è la prima morte che avviene in seguito ad un cortocircuito, nel 2006 altri due ragazzi morirono sempre folgorati.