breaking-news, Italia, Salute & Benessere

San Severo, selfie prima dei reati e picchiano a sangue un medico, fermata banda

San-Severo-selfie-prima-dei-reati-e-picchiano-a-sangue-un-medico-fermata-banda

Una serie di atti delinquenziali sono stati compiuti da una banda composta da sei giovani, 4 uomini e due donne di un’età compresa tra i 20 e i 35 anni.  La banda era formata da tutti ragazzi di San Severo un grosso comune in provincia di Foggia che però compivano i loro furti anche in altre città del meridione di Italia.




In particolare la banda è stata l’autrice di furti e rapine anche in Molise, in particolare a Termoli e Vasto ed in altri paesi quali Montesilvano e Ancona. I ragazzi che sono stati tutti fermati dalla polizia della città di San Severo architettavano il piano e poi partivano alla volta di città anche distanti diversi chilometri dalla cittadina in provincia di Foggia rubando auto o razziando tutto quello che era possibile in box e scantinati.

Secondo gli inquirenti sono stati più di 30 i colpi effettuati dalla banda di giovani originari di San Severo. La banda molto spesso dopo i suoi colpi postava su Facebook alcuni messaggi nei quali raccontava velatamente le loro gesta.

In particolare un episodio è stato ritenuto dagli inquirenti molto violento. La banda di ladri il 5 marzo dell’’anno scorso a San Severo mentre percorreva ad alta velocità Viale 2 Giugno ha perso il controllo dell’auto e per cercare di evitare un tamponamento è andata a scontrarsi violentemente con dei contenitori della spazzatura.

A bordo del veicolo c’erano due ragazzi della banda Bovaventura e Mazzeo che, per non essere identificati, hanno lasciato il loro veicolo in Viale 2 Giugno ed hanno iniziato la fuga. Un medico, testimone dell’episodio, ha ripreso con il suo smartphone la fuga e i due ragazzi accortesi delle riprese hanno aggredito il povero medico pestandolo a sangue.

Anche quando il medico è caduto a terra uno dei due giovani ha continuato a picchiare il malcapitato che ha riportato diverse ferite e ha dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso della cittadina foggiana.