breaking-news, Italia, Sport & Tecnologia

Scoperta l’esistenza del nono pianeta del sistema solare, grande 10 volte la Terra

Scoperta-sensazionale-un-nuovo-pianeta-ai-confini-del-sistema-solare

Di un altro pianeta ai confini del sistema solare era da sempre ipotizzata la presenza ma mai fino ad ora si era riuscito a dimostrare che esistesse.

Due scienziati da anni stanno studiato sulla possibilità o meno che il pianeta esista o meno. Gli astronomi avevano quasi la certezza che il pianeta non esistesse poi i loro studi sono stati sempre più approfonditi ed hanno scoperto che è molto probabile che un enorme pianeta esista ai confini del sistema solare e che si trovi nell’orbita del pianeta nano Plutone.

I due ricercatori americani erano partiti con lo scopo di mettere per sempre la parola fine sulla ricerca di un presunto pianeta che si doveva trovare ai confini del sistema solare.

Invece due degli astronomi più famosi al mondo Mike Brown e Konstantin Batygin hanno constatato che molto probabilmente ai confini del sistema solare esisterebbe un pianeta dalle dimensioni gigantesche che però non è stato ancora scoperto perchè non arriva la luce del Sole.

Una scoperta che se fosse accertata accerterebbe che i pianeti presenti nel sistema solare sono nove e l’ultimo sarebbe uno dei più grandi in assoluto.

Sarebbe più grande dalle cinque alle sei volte rispetto alla Terra il pianeta scoperto ai confini del nostro sistema solare.

Il pianeta avrebbe la superficie completamente ghiacciata anche per la notevole distanza dal Sole, al momento però non è stato ancora avvistato anche se in questi ultimi giorni i più potenti telescopi del mondo si stanno orientando nelle vicinanze di Plutone per cercare di individuarlo.

La scoperta del nono pianeta del sistema solare sarebbe un avvenimento storico al quale stanno lavorando molti astronomi. In particolare due astronomi famosissimi che hanno rivelato la possibile esistenza del nono pianeta del sistema solare in questi giorni stanno cercando di catturare le sue prime immagini da telescopio giapponese installato nelle Hawaii che è il più potente al mondo.

L’ipotesi che ci fosse un pianeta distante tanti anni luce dalla terra che però facesse parte del sistema solare è sempre circolata tra gli astronomi.

Ora questa ipotesi sta pian piano diventando realtà grazie agli studi di due degli astronomi più famosi al mondo Mike Brown e Konstantin Batygin. Esiterebbe secondo le teorie dei due astronomi un pianeta enorme grande quando Nettuno ai confini del nostro sistema solare, nell’orbita di Plutone.

Un pianeta dove un anno equivale a un’eternità ai nostri 15 mila anni e da dove il Sole è lontanissimo.

Un pianeta dalle dimensioni grandissime si troverebbe al limite del nostro sistema solare. Il condizionale è d’obbligo perché sembra che al momento siano solo supposizioni di due astronomi del prestigioso centro di ricerca della Californian Institute of Technology. Il pianeta avrebbe le dimensioni di Urano e Nettuno e sarebbe stato scoperto da due scienziati americani, Mike Brown e Konstantin Batygin.

Il pianeta dovrebbe esistere, secondo i calcoli dei due astronauti Mike Brown e Konstantin Batygin, ad una distanza di più di quattro milioni di chilometri dal sole e un anno dell’enorme pianeta e avrebbe la durata di ben 15 mila anni della Terra.

Mike Brown e Konstantin Batygin hanno così spiegato la loro supposizione sull’esistenza di un pianeta così enorme ai confini del sistema solare: “Benché all’inizio fossimo alquanto scettici circa la possibilità che questo pianeta potesse esistere, continuando a indagare la sua orbita e a valutare cosa significherebbe per il Sistema solare esterno, ci siamo sempre più convinti che sia proprio là fuori. Per la prima volta in oltre 150 anni, ci sono prove solide secondo le quali il censimento planetario del Sistema solare è incompleto”.

Il nuovo pianeta è stato chiamato da i due astronomi Planet Nine e la sua potenziale esistenza deriva da studi di due scienziati americani che suppongono che esista un’enorme massa celeste subito dopo Plutone e che riesce a concludere un’orbita tra i 10mila e 20mila anni.

Uno dei due studiosi, Konstantin Batygin ha affermato che: “Abbiamo una firma gravitazionale di un pianeta gigante nel sistema solare esterno ed è interessante notare che alcuni dei più potenti telescopi sulla Terra in questo momento potrebbero essere in grado di individuarlo, anzi potrebbe essere nascosto in qualche immagine esistente”.

Molti astronomi di fama internazionale hanno affermato di essere scettici sulla possibilità che possa esistere un pianeta dalle gigantesche dimensioni al confine del nostro sistema solare. Lo studio dei due ricercatori è stato pubblicato su uno dei più prestigiosi giornali di Astronomia della Terra, The Astronomical Journal ma al momento si tratta solo di supposizioni e di calcoli matematici.

Il nono pianeta del sistema solare non è stato ancora avvistato. Uno dei due ricercatori che hanno condotto lo studio, Mike Brown ha affermato che “Sarei entusiasta di trovarlo e vederlo  ma sarei anche felicissimo se a trovarlo fosse qualcun altro. È per questo che abbiamo pubblicato il nostro articolo: speriamo che altre persone ne traggano ispirazione per mettersi a cercare».

Lo stesso astronomo su Twitter solo qualche giorno fa aveva postato un messaggio che non lasciava dubbi sull’esistenza del nono pianeta del sistema solare affermando che era sicuro della sua esistenza.

Se si riuscisse a fotografare e dimostrare la reale esistenza del nono pianeta nel sistema solare ci troveremmo difronte ad una delle più grandi scoperte che sia stata fatta dall’uomo. Una scoperta che cambierebbe totalmente quello che da sempre si è pensato in astronomia sul sistema solare e porterebbe a riscrivere tutti i libri di astronomia.

Gli astronomi ritengono che poco distante dall’orbita di Plutone esistano tantissimi pianeti nani, più di cento, ma fino ad ora non era mai stato ipotizzato che esistesse Planet Line un pianeta dalle dimensioni gigantesche che si troverebbe proprio ai confini del nostro sistema solare.

Solo qualche anno fa, nel 2005 lo stesso astronomo Mike Brown, in seguito a approfonditi studi, dimostrò che Plutone era un pianeta nano e che nella sua orbita esisteva un pianeta più grande che si chiama Eis.

L’anno dopo anche l’Unione Astronomica Internazionale declassò Plutone a pianeta nano. Ora però sembra che Plutone possa essere presto rimpiazzato da un nuovo pianeta, Planet Line grande quando Urano e questo sarebbe il nono pianeta del sistema solare.