breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Lecce choc ragazzo di colore di 11 anni picchiato e insultato da bulli, sei nero

Lecce-choc-ragazzo-di-colore-di-11-anni-picchiato-e-insultato-da-bulli-sei-nero

Una storia assurda quella che è successa in un istituto scolastico di Lecce, un ragazzo di colore di 11 anni è stato vittima di ripetuti atti di bullismo. Il ragazzino, di soli 11 anni, è il figlio di un calciatore ed i suoi genitori si erano accorti che nell’ultimo periodo l’adolescente si isolava spesso e non aveva voglia di parlare con nessuno.

I genitori avevano subito pensato che il figlio a scuola era vittima di bullismo ed alla fine sono riusciti a scoprire che il piccolo veniva insultato e ripetutamente picchiato da un gruppo di ragazzi che frequentavano lo stesso istituto scolastico. I continui pestaggi avvenivano o nei bagni della scuola o nel parcheggio interno. La madre del ragazzo di colore ha denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine ed ha postato il seguente messaggio su un notissimo social network: “Mi ha detto: ‘mamma, sono giorni che un ragazzo molto più grande di me e i suoi compagni mi insultano perché sono nero’. Vergognatevi”.

Le forze dell’ordine di Lecce, subito dopo la denuncia della madre del ragazzo di colore, hanno iniziato le indagini. I carabinieri hanno scoperto che gli autori dei ripetuti atti di bullismo erano ragazzi più grandi dell’adolescente di colore, costretto a subire qualsiasi tipo di angheria.

I bulli dell’istituto scolastico leccese picchiavano e insultavano anche altri ragazzi ma mai nessuno nella scuola era riuscito a scoprire cosa stava effettivamente accadendo. La mamma del ragazzo di colore aveva capito che il figlio era vittima di atti di bullismo ma prima di riuscire a scoprire tutto quello che accadeva nell’istituto scolastico leccese, sono passati parecchi giorni.

A conferma che altri ragazzi dello stesso istituto erano vittime di continui pestaggi e di insulti da parte della banda di bulli i carabinieri hanno letto messaggi di alcune mamme nella chat della scuola. Non si sa quali provvedimenti hanno adottato le forze dell’ordine contro la banda di bulli e non è stato reso noto il nome del ragazzo che è stato vittima di continui insulti e pestaggi.