breaking-news, Italia

Riforma pensioni Renzi 2014: ultime novità modifiche Fornero esodati e lavoratori precoci

Riforma-pensioni-Renzi-2014- ultime-novità-modifiche-Fornero-esodati-e-lavoratori-precoci

Il nuovo Presidente del Consiglio a brevissimo sarà Matteo Renzi ma le categorie come i quota 96 del comparto scuola, i lavoratori precoci e gli esodati si chiedono qual è il pensiero del Sindaco di Firenze sulla riforma Fornero?

Poche volte il futuro Presidente del Consiglio si è soffermato sulla riforma Fornero, ma in una recente intervista, è stato chiaro su un punto che non rientra nel suo programma assolutamente reintrodurre le cosiddette pensioni baby cioè quando un lavoratore statale poteva andare in pensione anche a soli cinquanta anni.

Renzi però sugli esodati più di una volta ha rilasciato delle dichiarazioni nelle quali ha sempre sostenuto che un problema del genere va risolto immediatamente perchè non si può immaginare di lasciare delle persone intorno ai sessantadue anni senza lavoro e senza un briciolo di pensione.

In verità anche il governo Letta per categoria degli esodati qualcosa ha fatto come il provvedimento con il quale nell’ultima legge finanziaria sono stati trovati i fondi per salvaguardare altri 20.000 esodati.

Certamente in una politica di riforma generale che intende attuare Renzi con il suo esecutivo anche la Riforma delle pensioni dovrà per forza di cose essere modificata.

All’ex rottamatore con a molte forze politiche presenti in parlamento sta a cuore il ritorno della staffetta generazionale che se studiata bene permetterebbe un riciclo lavorativo con l’’ingresso e la possibilità per i non occupati o per chi si affaccia per la prima volta al lavoro di avere qualche chance in più di trovare una occupazione.

Una formula di prepensionamento come “il prestito pensionistico” presentato dall’ormai ex Ministro del Lavoro Giovannini potrebbe essere un valido strumento affinchè categorie come i lavoratori precoci, dopo anni di lavoro, possano accedere al prepensionamento anche con un piccolo sacrificio.

Molto dipenderà da chi sarà il successore di Giovannini al dicastero del lavoro che nell’ultime ore sembra sempre più papabile il nome dell’ex segretario del Pd Guglielmo Epifani.