Loading...

Bari choc, donna colpita da un pugno in faccia mentre percorre una strada al confine tra il quartiere Libertà e Murat, l’aggressore uno slavo

0
482

Un pugno in faccia mentre camminava e stava al telefonino, un aggressione senza alcun motivo. Questo è l’agghiacciante racconto di una donna che ieri ha voluto raccontare la sua aggressione sulla pagina del sindaco di Bari, Antonio Decaro.

La giovane donna ha raccontato che era al telefono con il suo papà quando su una strada, al confine tra il quartiere Libertà e Murat, è stata aggredita da un senzatetto di origine slave.

La donna ha postato il seguente suo racconto sulla pagina Facebook del Sindaco Decaro:

“Ero per strada, in una serata non idonea ad una passeggiata, il freddo e la pioggia li sentivo addosso senza potermi riparare abbastanza. È stato un attimo, mentre parlavo con mio padre al telefono, ho sentito un forte dolore al viso, il dolore era lancinante, aggravato dal fatto che non capivo cosa fosse successo. In quelle manciate di secondi non pensi, senti solo dolore, ho chiuso gli occhi per proteggermi, ho avuto tanta paura!! Solo quando un gruppo di ragazzi si è avvicinato, mi hanno detto che una barbona di origini slave, ben nota nella zona, mi aveva sferrato un cazzotto in pieno volto, colpendo la bocca. Incredula, ho avuto i primi soccorsi, ma quello che mi ha turbato ancora di più del fatto stesso è stato l’atteggiamento di rassegnazione da parte di tutti…compresa la polizia intervenuta. È un volto conosciuto, tutti fanno spallucce, chi le regala 20 centesimi, altri abbigliamento per coprirsi. Lei urla, sbraita, tutto è normale nelle strade tra il confine del quartiere murattiano e il quartiere libertà. È normale uscire di casa e forse non tornare??? Sì perché non torni a casa come sei uscita!! Sei diversa, mi sento diversa e non esagero!! Siamo soli, senza diritti!! Lei è solo una senza tetto venuta da chissà dove ed io solo sfortunata che il caso ha voluto che la incontrassi in un momento di pazzia. Questa è l’Italia!! Grazie…”

Loading...