Asta online da record venduto un piccione viaggiatore per oltre 1.4 milioni di dollari

0
30

Se credevate che i piccioni viaggiatori fossero qualcosa di arcaico, adatto solo a storielle popolari e racconti medievali, beh, vi sbagliate di grosso. Ovviamente non vengono sfruttati come i corvi della celebre serie televisiva Il Trono di Spade, dove i pennuti dalle nere piume venivano sfruttati per veicolare importanti missive segrete.

Nella realtà e ai giorni nostri, la figura del piccione viaggiatore diventa un atleta sportivo da far gareggiare in tutto il mondo, soprattutto in luoghi come la Cina ed il Pakistan. E pare che proprio in Cina si concentri uno dei più forti giri di scommesse sportive volatili. Con vincite che superano facilmente le decine di milioni di dollari, pare che le valutazioni dei piccioni da competizione siano schizzate alle stelle negli ultimi anni.

Prezzi davvero senza precedenti, se pensate che un paio di giorni fa, ad un’asta online, un acquirente cinese è riuscito a portarsi via il campione del giorno, un pregiato piccione “da corsa” belga ad un prezzo stratosferico. L’asta online ha registrato una vendita davvero da record, incassando per il solo Armando, l’uccello in questione, ben 1,4 milioni di dollari.

Un piccione venduto davvero a peso d’oro, potremmo affermare! Ma in un giro di gare dove i guadagni sorpassano di gran lunga i costi d’acquisto degli “sfidanti”, un milione e mezzo potrebbero sembrare quasi bruscolini.