breaking-news, Italia

Riforma pensioni Poletti 2014: ultime novità governo Renzi modifiche Fornero, precoci e statali

Riforma-pensioni-Poletti-2014-ultime-novità-governo-Renzi-modifiche-Fornero-precoci-e-statali

Il governo è a lavoro per le riforme del Senato, dell’articolo V della costituzione e sulla legge elettorale.

Matteo Renzi ha incontrato Silvio Berlusconi per ridefinire il famoso patto del Nazareno e sembra che l’accordo tra i due leader sia ancora saldo.

Lunedì Matteo Renzi incontrerà la delegazione del Movimento Cinque Stelle ma non ci sarà Beppe Grillo, per cercare un accordo per la nuova legge elettorale.

Ma il governo si muove su più fronti oltre alle legge elettorale e la riforma del Senato l’esecutivo dovrà al più presto cercare di trovare i fondi necessari per la salvaguardia definitiva degli esodati.

Solo due giorni fa il governo nella persona del ministro Poletti ha presentato in parlamento un decreto legge per la salvaguardia di altri 32.000 esodati che sono una categoria di lavoratori che in seguito all’approvazione della legge Fornero è rimasta senza pensione e senza lavoro.

Serve però la salvaguardia dell’intera categoria ed inoltre trovare un metodo per far in modo che anche categorie come quella dei lavoratori precoci trovi la possibilità di accedere alla pensione anticipata.

I lavoratori e lavoratici precoci sono una categoria, che lavorando dall’adolescenza, da tempo ha accumulato il massimo dei contributi pensionistici ma non ha raggiunto il requisito dell’età pensionabile.

L’idea di Poletti è di istituire il prestito pensionistico che prevede la pensione anticipata per chi aderisce ricevendo un assegno pari a quanto maturato a livello pensionistico detratto di un quantum mensile dal 10 al 15% una volta raggiunta la pensione la somma percepita negli anni dovrà essere restituita all’Inps un tot al mese.

Al prestito pensionistico potranno aderire molto probabilmente anche i lavoratori del pubblico che hanno raggiunto il massimo dei contributi ed hanno sessanta due anni di età.

Il prestito pensionistico potrebbe essere inserito nella prossima legge di stabilità che sarà varata per il prossimo anno economico finanziario.