breaking-news, Italia, Sport & Tecnologia

Museo Armani sorgerà a Milano con l’ok del comune nuovo spazio espositivo

Museo-Armani-sorgerà-a-Milano-con-l-ok-del-comune-nuovo-spazio-espositivo

Un’enorme spazio per la moda italiana grazie al riutilizzo di un capannone industriale in via Bergognone a Milano tutto senza spese per il comune del capoluogo lombardo.

L’idea nasce da un accordo stipulato dalla Giorgio Armani Spa e il comune di Milano che intendono aprire un vero e proprio museo della moda dove riuscire a vedere disegni, progetti ed abiti della prestigiosa azienda conosciuta in tutto il mondo.

Un enorme spazio espositivo libero ai cittadini di Milano e non dove poter visitare le più belle idea di Giorgio Armani.

Lo stilista Giorgio Armani si è detto entusiasta dell’accordo del comune e della nascita di un museo dedicato alle sue invenzioni ammirate dal tutto il mondo: “È Milano la città dove ho scelto di vivere e di lavorare  e che è stata per me una dura, leale maestra. Ho sempre pensato che il mio lavoro in altre città sarebbe stato diverso e che difficilmente il mio stile sarebbe stato così fortemente italiano e nello stesso tempo internazionale. Per questo  ho deciso di mettere a disposizione della mia città il frutto del mio lavoro, fatto non soltanto di abiti, ma anche di senso della materia ed esperienza. Ho ritenuto che potesse essere interessante per tutti. In particolare  per i giovani che si avvicinano numerosi alla moda e al design, e che in questo patrimonio potranno trovare ispirazione e spunti per dare vita a nuove idee e alle aziende del futuro. Quel futuro che bisogna imparare a costruire giorno per giorno”.

Lo spazio sarà un vero centro culturale dove saranno esposte mostre artistiche attinenti il mondo della moda cercando di dare spazio soprattutto ai giovani.

La convenzione tra comune di Milano e la Giorgio Armani Spa ha stabilito inoltre che l’ingresso nel nuovissimo centro espositivo sarà gratuito quando l’amministrazione deciderà molto probabilmente già da settembre riproporre le famose per i milanesi “domenicaspasso” alcune domenica in media una ogni due mesi dove nel capoluogo lombardo non sarà possibile usare l’auto.