breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Roberto Bolle si esibirà oggi a Trieste con i “Friend” in 3D

Roberto-Bolle-si-esibirà-oggi-a-Trieste-con-i-“Friend”-in-3D

Dopo le grandi esibizioni alla sede estiva del Teatro dell’Opera di Roma alle Terme di Caracalla e al teatro Carlo Felice a Genova e all’Arena di Verona il più grande ballerino del mondo l’italiano Roberto Bolle torna dopo esattamente un anno torna a Trieste.

Il ballerino più seguito nel pianeta che fa parte dell’ etoile della Scala di Milano e principal dancer dell’American Ballet Theatre di New York dopo aver mandato letteralmente in visibilio gli spettatori del Teatro dell’Opera di Caracalla era circa in 4mila stasera si esibirà al politeama di Rossetti acconto ai suoi “Firends”.

Oggi 27 luglio per la gente di Trieste ci sarà un appuntamento da non perdere con la danza con l’esibizione del più grande talento a livello mondiale, Roberto Bolle, che sfiderà alcuni suoi famosi colleghi a ritmo di danza.

Si scontreranno talenti europei con quelli americani e saranno presenti ballerini dell ‘American Ballet Theatre, del Royal Ballet, dello Stuttgarter Bllet e del Boston Ballet.

Roberto Bolle ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sull’attesissimo spettacolo di stasera: “Quest’anno ho voluto riproporre il meglio di quel che avevo fatto in precedenza: prima sul versante europeo poi, l’anno scorso, con i colleghi dell’American Ballet. È un incontro fra due repertori: c’è la firma di Twyla Tharp in Sinatra’s Suite e ci sono Ashton e la scuola inglese con il passo a due da Thais. Ma riproponiamo anche un pezzo divertente, che entusiasma sempre il pubblico, come Les Bourgeois”.

Bolle riproporrà nuovamente lo spettacolo in 3D: «Ho voluto ripartire dall’esperimento in 3D di Prototype. Proporremo Passage, filmato realizzato con Fabrizio Ferri per celebrare i dieci anni di “Vanity Fair” e presentato alla mostra del cinema di Venezia nel 2013,- e riprendendo l’esperimento dell’interazione danza-video ci sarà un nuovo assolo del giovane coreografo italiano Marco Pelle, con il quale avevamo collaborato”.