breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Il terrore continua ad Ostia nuovo avvistamento di uno squalo panico tra bagnanti

Il-terrore-continua-ad-Ostia-nuovo-avvistamento-di-uno-squalo-panico-tra-bagnanti

Purtroppo questa estate i bagnanti del litorale laziale non possono proprio rilassarsi e gustarsi le meritate ferie a causa della presenza decisamente inquietante degli squali.

L’ultimo incontro ravvicinato è avvenuto ieri nel primo pomeriggio.

Infatti una signora che si trovava nel lido La Bicocca sul lungomare Vespucci di Ostia ha avvistato uno squalo.

Si è subito precipitata ad avvertire quanta più gente possibile e così tutti i presenti si sono messi alla ricerca in acqua dello squalo.
La prima misura di sicurezza è stata quella di far uscire tutti dall’acqua e poi tutti hanno aspettato gli esperti Capitaneria di Porto. Pare che l’allarme sia rientrato presto, infatti, con tutta probabilità non si trattava di uno squalo.

In ogni caso tutte le altre volte di squalo si è trattato e cioè sia l’11 agosto sia il 17.

Entrambe le volte, però la guardia costiera ci ha tenuto a tranquillizzare affermando che in primo luogo si trattava di una verdesca e cioè di un tipo di squalo innocuo che non attacca e poi che « … Si tratta con tutta probabilità di una verdesca che forse non è in salute e per questo continua a tornare a riva».

Lo squalo verdesca poi essere lungo anche più di due metri ed ha un comportamento insolito per uno squalo essendo molto tranquillo durante la mattina mentre diventa molto irrequieto il pomeriggio quando può anche avvicinarsi alla preda.

Lo squalo verdesca è una specie che difficilmente attacca l’uomo ma molto comune nel mare Mediterraneo tanto che solo qualche settimana fa un grosso esemplare fu avvistato nelle spiagge della Gallura ad Olbia in Sardegna creando il panico tra i villeggianti che in un attimo uscirono dal mare per paura dell’attacco dello squalo.

Comunque per far più chiarezza gli attacchi all’uomo da parte di uno squalo sono pochissimi durante l’arco di un anno si contano 4 o al massimo 5 di questi eventi soprattutto nelle zone dove vi sono le barriere coralline.