breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Vita sedentaria determina invecchiamento uno dei rimedi stare in piedi

Vita-Sedentaria-determina-invecchiamento-uno-dei-rimedi-stare-più-possibile-in-piedi

Troppa vita sedentaria tanto tempo passato al computer o al lavoro sempre seduti alla scrivania sono delle abitudini che la monotona routine della vita quotidiana determina.

Ma per rendere un  po’ più briosa la nostra esistenza e anche per avere un migliore umore bisogna cercare di stare bene con se stessi.

Significa alimentarsi nei modi giusti evitando eccessi di qualsiasi natura e inoltre praticare più sport possibile e se per motivi di tempo non si può anche una salutare camminata può essere ottimale per la nostra salute.

Un recente studio condotto da dei medici della  Karolinska University Hospital di Stoccolma che è stato pubblicato sulla notissima rivista British Medical Journal” ha evidenziato che camminare fa bene ai telomeri.

I telomeri sono la parte terminale del Dna è sono determinati per lo stato di salute di un uomo essendo il vero orologio biologico dell’essere umano.

I “cappucci protettivi” del Dna sono l’indice dello stato di salute del nostro corpo più hanno la lunghezza originaria meno pericoli il nostro organismo incorre e riesce a combattere meglio alcune rischiose patologie.

Se i telomeri iniziassero il processo di accorciamento sarebbero per il corpo umano guai perché il suo organismo potrebbe di fatto essere più esposto a rischi di patologie cardiovascolari o a tumori.

Il direttore Karolinska University Hospital di Stoccolma, Mai-Lis Hellenius, ha così commentato i risultati della ricerca: “Noi ipotizziamo per le persone anziane a rischio che una riduzione del tempo trascorso seduti è di maggior importanza rispetto all’aumento del tempo trascorso a fare esercizio fisico”.

Lo studio dei ricercatori svedesi è stato condotto su 49 pazienti sia di sesso maschile che femminile di un’età superiore ai 60 anni per la maggior parte obesi.

La ricerca ha potuto riscontrare che più i pazienti stavano in piedi più i telomeri avevano al loro lunghezza naturale ma quando qualcuno dei 49 pazienti iniziava ad avere una vita sedentaria i telomeri iniziavano pericolosamente ad accorciarsi.