breaking-news, Italia

Tasi, arriva la stangata aliquote ai massimi livelli

Tasi-arriva-la-stangata-aliquote-ai-massimi-livelliA proposito della tasi regna ancora molta confusione.

Per il momento « … solo 5.300 Comuni su 8.057 hanno approvato e inviato alle Finanze le delibere in materia di Tasi».

Questo è quanto dichiara la Consulta Caf precisando che « … Per i Comuni che non hanno deliberato i contribuenti non pagheranno l’acconto di ottobre, ma effettueranno il pagamento a dicembre, in un’unica soluzione con l’aliquota base dell’uno per mille».

Ma chi dovrà pagare questa nuova/vecchia tassa?
Chi possiede la prima e la seconda casa ma è da sottolineare che chi ha la seconda casa oltre la tasi dovrà pagare anche l’Imu.

La Tasi, inoltre spetterà anche ai conduttori (inquilini) che saranno gravati in una percentuale che potrà variare tra il 10 e il 30% in base a quello che decideranno i sindaci delle varie città.

La Tasi con la Tari che è la tassa sui rifiuti urbani forma la Iuc (Imposta unica comunale).

Ma la Tasi e la Tari spetterà pagarle in due modi diversi, infatti per la tari come al solito ci verrà recapitato presso il nostro domicilio il bollettino precompilato e si potrà pagare, come al solito, a rate; mentre il pagamento della Tasi dovrà avvenire con modalità diverse che cambiano da comune a comune.

Alcuni comuni l’hanno già richiesto a giugno, altri lo chiederanno a ottobre e precisamente il 16 e gli ultimi lo faranno pagare in unica soluzione nel mese di dicembre.

Far fronte anche a quest’ulteriore pagamento sarà duro e a risentirne, come al solito saranno quei nuclei familiari che già vivono sul filo della miseria.

E se già nel 2012 è stato complicato pagare questa tassa quest’anno lo sarà molto di più perché l’aumento è notevole.
Infatti numerosissimi comuni arriveranno a chiedere il 3,3 per mille.