breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Risultati test professioni sanitarie 2014: ultime novità pubblicazione Roma, Milano, Firenze e Bari

Risultati-test-professioni-sanitarie-2014-ultime-novità-pubblicazione-Roma-Milano-Firenze-e-Bari

In alcuni sedi, come a Pavia, sono stati pubblicati i risultati di test di ammissione alla facoltà a numero chiuso di professioni sanitarie in molte altre si è ancora in attesa.

Oggi dovrebbe essere il giorno, come previsto nel bando, della pubblicazione all’università Cattolica del Sacro Cuore di Milano che potranno essere consultati, se pubblicati, al seguente link: http://www.unicatt.it/offerta-formativa-corsi-di-laurea-triennale-e-a-ciclo-unico .

Si è in attesa anche della pubblicazione di altri atenei come  Roma Tor Vergata, Firenze e Bari.

L’indirizzo più difficile dove essere ammessi è senza ombra di dubbio fisioterapia dove solo uno studente su nove statisticamente sarà ammesso.

Meno problematico dovrebbe essere l’accesso per altri indirizzi dove il numero dei partecipanti dei test è stato nettamente inferiore tanto da essere ammessi dovrebbe essere uno studente su tre.

Quest’anno hanno partecipato ai test di ammissione di professioni sanitarie più di 27mila studenti in trentadue sedi di atenei sparse in tutta Italia.

La graduatoria non sarà unica come avviene di solito per gli atri test delle facoltà a numero chiuso, come medicina che viene pubblicata sul sito ufficiale del ministero della salute il Miur, ma vi saranno una graduatoria per ogni sede universitaria pubblicata sul sito dell’ateneo dove di è svolta la prova.

Questo potrebbe essere l’ultimo anno  dei test di ammissione alle professioni universitarie.

Sembrerebbe infatti che è intenzione del ministro della salute, Stefania Giannini, di abolirli anche se i rettori delle università e molti parlamentari del Pd sono in rivolta per la decisione del ministro.

Il prossimo anno l’iscrizione alla facoltà dovrebbe essere libera con selezioni che avverranno durante il primo anno accademico come già avviene in Francia cercando di privilegiare gli studenti che si sono maggiormente applicati e che hanno conseguito ottimi voti.