breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Influenza 2014: picco massimo a Natale colpirà 4 milioni di italiani

Influenza-2014-picco-massimo-a-Natale-colpirà-4-milioni-di-italiani

Con l’estate oramai alla spalle, anche se dal punto di vista metrologico non è stata questa sicuramente una stagione calda anzi, si avvicinano prepotentemente i periodi freddi che vedranno scendere drasticamente le temperature.

Con l’arrivo delle temperature fredde si è a rischio di contrarre la temuta influenza che quest’anno si presume che avrà due picchi il primo agli inizi di novembre e il secondo subito dopo le feste natalizie e colpirà più di 4 milioni d’italiani.

Non sarà molto aggressiva come alcune epidemie precedenti però i soggetti anziani con problemi cardiovascolari e respiratori ed i bambini e le donne in dolce attesa devono stare molto attenti perché può determinare delle complicazioni.

Il virologo Fabrizio Pregliasco dell’Università degli Studi di Milano ha commentato così la nuova influenza in arrivo:“La stagione vaccinale si aprirà ufficialmente a fine ottobre, anche se il periodo ideale per vaccinarsi è entro fine novembre. Inoltre non vanno sottovalutati anche altri virus “cugini” che, complici anche gli sbalzi termici, hanno colpito anche d’estate e che in totale interesseranno altri sei milioni di italiani”.

I ceppi influenzali che caratterizzeranno questa influenza sono tutti provenienti dagli Stati Uniti d’America e saranno H1N1 California, H3N2 Massachusetts e B Texas.

I sintomi dell’influenza saranno la febbre che potrà toccare valori anche molto alti, raffreddore che determinerà intasamento delle vie respiratorie e dolori agli arti e ai muscoli.

Salvo complicazioni bisognerà stare in media dai tre ai cinque giorni a letto e le precauzioni che i medici consigliano sono di lavarsi le mani  soprattutto dopo qualche colpo di tosse o un starnuto, cercare di mangiare cibo contenente vitamina C alimenti ricchi di vitamina C come frutti freschi, agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie e determinati tipi di verdure fresche come lattuga, radicchi, spinaci, broccoletti.

I medici comunque consigliano di proteggersi dall’epidemia con il vaccino antinfluenzale che sarà disponibile con i primi freddi.

Al vaccino possono ricorre tutti ed è gratis solo per le donne in gravidanza e per le persone che hanno un’età superiore ai 65 anni e per i soggetti che hanno delle patologie tali da non poter contrarre l’influenza perché potrebbe creare serie problematiche.