breaking-news, Italia

Salvini aut aut a Renzi: un’altra tassa e si va a Roma con i bastoni

Salvini-aut-aut-a-Renzi-un-altra-tassa-e-si-va-a-Roma-con-i-bastoni

Il segretario della Lega Nord riscalda il popolo leghista dal palco della festa dei Popoli a Pian della Regina sul Monviso in provincia di Cuneo dichiarando espressamente che se Renzi con la nuova legge di stabilità applica una nuova tassa il carroccio è pronto ad invadere Roma con i bastoni.

La dichiarazione di Salvini avviene proprio mentre si stava svolgendo il meeting a Milano tra tutti i ministri dell’Economia della comunità europea, tra i quali anche Padoan, dove si  discuteva sull’impossibilità di sforare il 3% del deficit rispetto al Pil.

L’Italia allo stato attuale dovrebbe compiere un miracolo per rientrare nei parametri prescritti dall’Unione Europea e probabilmente l’esecutivo dovrà ricorrere a qualche nuova tassa per aumentare le entrate.

La frase pronunciata da Salvini assomiglia tanto a quelle pronunciate dall’ideatore della Lega Umberto Bossi che era presente alla festa proprio per dimostrare che i presunti dissidi all’interno del partito non ci sono mai stati.

Accanto a Bossi c’era anche il figlio Renzo e Roberto Calderoni ma l’attenzione del popolo leghista era tutta rivolta verso il nuovo leader Matteo Salvini che non è sembrato affatto in soggezione davanti al suo popolo anzi ha dimostrato ancora una volta di avere carattere da vendere.

Matteo Salvini ha dichiarato che  per la Lega sono delle tasse anche quando si chiude un ospedale in un paese causando lo spostamento di un malato di molti chilometri o quando lo stato decide di chiudere una scuola determinando molti disagi a studenti e genitori.

Il segretario della Lega, come del resto aveva dichiarato già la scorsa settimana, è pronto ad incontrare Renzi per discutere su temi economici.

Poi Salvini parla della coalizione di centrodestra che per il segretario non esiste più.

La Lega per Salvini non si siederà mai al tavolo delle trattative con Angelino Alfano per cercare di porre le basi per un’alleanza politica o a livello locale o nazionale perché il segretario del Nuovo Centrodestra è fedele alleato al governo di Matteo Renzi.

Al momento ha detto Salvini che non ci sono neanche i presupposti per cercare un accordo politico con Silvio Berlusconi che sembra essere succube di Matteo Renzi.

Il segretario poi ha anche parlato del referendum che si terrà nei prossimi giorni che vedrà il popolo scozzese votare per l’indipendenza dall’Inghilterra: “Speriamo che domenica prossima ci sia da festeggiare la vittoria dei sì in Scozia, anche se poter decidere è già una vittoria. In Italia, purtroppo, ci dicono che non si può, ma noi la battaglia indipendentista non l’abbiamo mai smessa. Contro il regime europeo e quello di Roma, se si mettono insieme le persone di buona volontà, dal Piemonte al Veneto, ma perché no anche dalla Sardegna alla Sicilia, abbiamo la possibilità di vincere”.

Poi l’ultimo invito è stato fatto nuovamente a Renzi chiedendogli di venire in montagna magari per farsi un selfie per rendersi conto in quale situazione precaria si trovano i lavoratori che stanno patendo e molto la crisi che oramai attanaglia da più di cinque anni l’Italia provocando grandissimi disagi a tutta la popolazione montana.