Chi era Lucia Passariello mamma 27enne di una bambina di 7 anni, uccisa da vigile ubriaco

Una passeggiata si trasforma in tragedia per Lucia Passariello, uccisa da un vigile urbano in stato di ebbrezza davanti alle nipotine.

La sera del tragico incidente, Lucia Passariello, una giovane donna di 27 anni, stava camminando in via Croce San Nicola a Camposano, accompagnata dalle sue due nipotine di 10 e 7 anni. In un attimo, la sua vita è stata tragicamente interrotta quando è stata investita da una Suzuki guidata da un vigile urbano di Portici in stato di ebbrezza. Lucia è morta sul colpo, mentre le due bambine, fortunatamente, sono rimaste fisicamente incolumi ma profondamente traumatizzate dall’orribile scena.

Il dolore e la ricerca di giustizia della famiglia

Pasquale Passariello, fratello di Lucia, è devastato dalla perdita della sorella. “Dio porta con sé sempre le persone più belle, ancora non ci posso credere… un pezzo di me è andato via con te, sorellina mia mi mancherai e ti giuro che ti farò giustizia anche se a ben poco serve. Ti amo sorellina mia”, ha dichiarato Pasquale con il cuore spezzato. La comunità locale, scossa dalla tragedia, si è stretta intorno alla famiglia di Lucia, offrendo sostegno e solidarietà. Il sindaco di Camposano, Franco Barbato, ha espresso il suo sconcerto per l’accaduto, dichiarando: “Che strazio. La ragazza di 27 anni, percorrendo via Croce San Nicola, è stata investita da un’auto e scaraventata, dopo aver sorvolato un muro tufaceo di un metro e mezzo, nel sottostante terreno”.

Conseguenze legali e provvedimenti contro il vigile urbano

Il responsabile dell’incidente è un giovane vigile urbano di 26 anni, al servizio del comune di Portici. È stato arrestato per omicidio stradale e messo agli arresti domiciliari. Gli esami hanno rivelato un tasso alcolemico di 1,7 grammi per litro di sangue, un livello che, secondo l’Istituto superiore di Sanità, comporta una “compromissione grave dello stato psicofisico” alla guida. L’auto è stata sequestrata e sono stati avviati i procedimenti per sospendere il vigile dal servizio. Vincenzo Cuomo, sindaco di Portici, ha espresso “vivo cordoglio alla famiglia della donna” e ha confermato l’avvio delle procedure disciplinari. “Torno in Comune ancora più agguerrito contro i pirati della strada per i quali apro il ‘coprifuoco’”, ha dichiarato Barbato, sottolineando l’importanza di rispettare il Codice della Strada per garantire la sicurezza di tutti.