breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Le star dei cartoni animati simbolo della lotta contro cancro al seno

Le-star-dei-cartoni-animati-simbolo-alla-lotta-contro-cancro-al-seno

AleXsandro Palombo, famoso designer multimediale, ha realizzato una serie di disegni che raffigurano alcune delle più conosciute protagoniste dei cartoni animati che idealmente hanno vinto la battaglia contro uno dei più comuni tumori che colpiscono le donne: il cancro al seno.

I disegni dell’artista salentino sono stati realizzati in occasione del mese della prevenzione al cancro della mammella organizzato dalla LILT.

AleXandro Palombo ha intitolato la sua raccolta di disegni raffiguranti le protagoniste dei cartoni della Disney “Sopravvissute al cancro al seno”.

Il designer ha raffigurato icone femminili dei  cartoni animati come Biancaneve, Cenerentola, Jessica Rabbit, Marge Simpson e tante altre con delle cicatrici al corpo che la dura lotta al cancro al seno può provocare.


AleXandro Palombo ha voluto sensibilizzare le donne a non mollare una volta aver scoperto di essere state colpite dal cancro al seno.

Un altro messaggio molto importante ,che il famoso artista ha voluto dare, è che nella lotta contro il cancro è determinante la prevenzione.

Con la diagnosi precoce del cancro al seno molte donne possono curarsi tranquillamente Ed in seguito poter affermare di aver sconfitto il terribile male.

Secondo i dati della LILT le donne colpite dal cancro al seno sono in aumento.

Solo nel 2013 in Italia sono stati  registrati 46 mila nuovi casi che hanno colpito maggiormente le donne di una fascia di età compresa tra i 25 e 44 anni.

Nel 2013 rispetto all’anno precedente vi è stato un incremento dei casi di tumore alla mammella del 19%.

Però vi sono anche dei dati positivi che non bisogna assolutamente sottovalutare.

Secondo la LILT  negli ultimi anni la lotta contro il neoplasma al seno ha raggiunto dei traguardi inaspettati.

In questi ultimi anni se si riesce a diagnosticare la malattia  precocemente al 90% dei casi la donna può ritenersi fuori pericolo di vita.