breaking-news, Italia

Torino, Italia-Germania Napolitano “il dialogo deve essere costante”

Torino-Italia-Germania-Napolitano-"il-dialogo-deve-essere-costante"

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è stato a Torino per inaugurare “Italian-German High Level Dialogue”.

Il summit tra i massimi esponenti politici di Italia e Germana, che ha avuto inizio nel capoluogo piemontese alle ore 18,00 di ieri, è stato inaugurato anche dal Presidente della Repubblica federale tedesca, Joachim Gauck.

Un summit voluto fortemente dal Presidente della Repubblica italiana allo scopo di rafforzare i rapporti tra Italia e Germania.

Il capo dello stato è stato sempre dell’idea che per l’Italia è importantissimo avere degli ottimi rapporti con la Germania.

Il discorso di presentazione del summit è stato tenuto dal sindaco della città Torinese, Piero Fassino.


Il sindaco di Torino ha terminato il suo  discorso con parole di ringraziamento nei confronti di Giorgio Napolitano,che a breve dovrebbe dimettersi dalla carica di presidente della Repubblica: “Le esprimiamo gratitudine per questi anni di presidenza durante i quali è stato punto di riferimento politico e morale dell’intero Paese e garante per la comunità internazionale”.

Il numeroso pubblico in sala ha applaudito a lungo  le parole di ringraziamento rivolte a Giorgio Napolitano dal sindaco di Torino.

La parola poi è passata al Presidente della Repubblica Italiana che ha dichiarato “Non c’è Europa senza dialogo costante e in profondità, senza pieno rispetto reciproco, amicizia e organica collaborazione tra Germania e Italia”.

Giorgio Napolitano, che durante il suo discorso si è più volte commosso, ha anche detto che: “L’Europa deve uscire dai limiti fatali del dopo euro e sciogliere i nodi di una crisi nata fuori d’Europa ma degenerata in Europa nella più profonda recessione: questa è la nostra responsabilità. Di Italia e Germania in modo particolare, per il peso che abbiamo avuto nei decenni più fecondi della costruzione europea”.

Al Presidente Napolitano ha replicato il suo collega tedesco Joachim Gauck: “La Germania non si sente egemone, ma responsabile per gli impegni presi. E prende seriamente quanto concordato nei Trattati”.

Per Giorgio Napolitano, quello di ieri a Torino, potrebbe essere uno degli ultimi sforzi come Presidente della Repubblica in vista delle sempre più probabili dimissioni, previste per fine anno, dal suo mandato.