breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Tumore al seno nuovo nanofarmaco contro le patologie più aggressive

Tumore-al-seno-nuovo-nanofarmaco-contro-le-patologie-più-aggressive

Il tumore al seno è una delle neoplasie più comuni tra le donne.

Esistono delle forme di tumore molto aggressive e. per questo, difficilmente curabili.

In aiuto a queste forme di tumori più gravi arriva la medicina con la scoperta di un farmaco che può curare questi tipi di neoplasie.

I ricercatori della GeparSepto di fase III hanno presentato, durante“Breast Cancer Symposium” importantissima manifestazione sul cancro alla mammella tenutasi a San Antonio negli Stati Uniti d’America, un nanofarmaco  contenente nab-paclitaxel.

Il nanofarmaco è stato usato come cura su 39% di  1.200 pazienti di sesso femminile colpite dalla forma più grave di tumore alla mammella.


I risultati dagli studiosi sono stati ritenuti molto incoraggianti.

Il professor Francesco Cognetti, presidente della Fondazione “Insieme contro il Cancro”,   ha così commentato la sperimentazione del nanofarmaco con il principio attivo nab-paclitaxel: “farmaco innovativo che coniuga un principio attivo di efficacia antitumorale comprovata, paclitaxel, con la tecnologia d’avanguardia basata sulle nanoparticelle.  già impiegato con successo nel trattamento del carcinoma mammario metastatico nei casi in cui la terapia di prima linea non risulti più efficace“.

Il professore Francesco Cognetti ha anche asserito che: “La cosiddetta risposta patologia completa, è un parametro molto importante perché consiste nell’assenza di tumore invasivo sia nel seno che nei linfonodi ed è strettamente legato all’esito favorevole a lungo termine, cioè alla sopravvivenza“.

E’ importantissima, per il cancro al seno, una diagnosi precoce che consente alle pazienti, in moltissimi casi, la guarigione completa.

E’ stato verificato che il cancro al seno, se diagnosticato precocemente, consente nell’87% dei casi una sopravvivenza superiore ai cinque anni.

Il nanofarmaco a base di nab-paclitaxel è particolarmente efficace contro la forma di cancro alla mammella molto aggressiva e scientificamente chiamata “triplo negativa”.

La forma di tumore alla mammella “triplo negativa” rappresenta il 15% di neoplasie che si verificano al seno.