breaking-news, Italia

Alì Agca in Vaticano per visitare tomba di Karol Woitwa

Alì-Agca-in-Vaticano-per-visitare-tomba-di-Karol-Woitwa

Alì Agca ha visitato nei giorni scossi la tomba di Papa Giovanni Paolo II.

L’ex terrorista turco, che per motivi non ancora noti cercò di uccidere il 13 maggio 1981 Papa Wojtyla, è stato fermato dalle forze dell’ordine e condotto in Questura a Roma.

Alì Agca ha spiegato la sua volontà di visitare la tomba di Papa Giovanni Paolo II con la seguente dichiarazione  “Sentivo la necessità di fare questo gesto”.

L’uomo di origine turca ha reso omaggio alla tomba del papa nella basilica di San Pietro in Vaticano portando con se dei fiori.

L’ex lupo grigio è stato riconosciuto in piazza San Pietro da alcuni uomini delle forze dell’ordine che lo hanno fermato.


La questura di Roma ha riscontrato che Alì Agca non era provvisto di regolare permesso di soggiorno e per questo,  in base alle leggi italiane in vigore, l’uomo turco sarà presto espulso dal nostro paese.

Gli uomini della polizia che hanno fermato l’ex terrorista hanno riferito che Alì Agca è arrivato con un’auto a Roma e proveniva dall’Austria.

Alì Agca al momento del suo fermo non ha posto alcuna resistenza alle forze dell’ordine.

L’attentatore di Carol Wojtyla aveva recentemente affermato che voleva far visita alla tomba di Papa Giovanni Paolo II perché non era potuto essere presente al suo funerale.

Alì Agca aveva anche dichiarato che voleva visitare il luogo dove riposava il Papa anche per ringraziarlo della sua visita avvenuta il 27 dicembre 1983 nel carcere di Rebibbia a Roma.

L’ex terrorista è stato perdonato per il suo attentato da Papa Giovanni Paolo II per due volte.

Alì Agca in seguito all’attentato al Papa fu condannato dalla giustizia italiana, dopo un processo che durò solo tre giorni, all’ergastolo.

L’ex terrorista turco il 13 giugno del 2000 ricevette la grazia dal Presidente della Repubblica italiana, Carlo Azeglio Ciampi.

Subito dopo, però, fu arrestato in Turchia dove scontò altri dieci anni di reclusione per l’uccisione del giornalista Abdi İpekçi avvenuta il 1 febbraio del 1979.