breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Ipnosi al posto dell’anestesia per alcuni tipi di interventi

 Ipnosi-al-posto-dell-anestesia-per-alcuni-tipi-di-intervento

Alcuni medici dell’ospedale dell’istituto Curie di Parigi , uno dei più importanti centri di ricerca medica del mondo, hanno deciso, prima dell’intervento chirurgico, di sottoporre 70 pazienti alla pratica dell’ipnosi.

I medici, con il consenso dei pazienti, hanno deciso di sottoporre i malati all’ipnosi al posto dell’anestesia.

Le 70 donne che si sono sottoposte all’intervento chirurgico senza anestesia ma con l’ipnosi erano tutte malate di cancro al seno.

L’intervento chirurgico si era reso necessario per l’asportazione del tumore alla mammella.

I medici, dai referti di alcune analisi cliniche, avevano constatato che la tradizionale anestesia alle 70 pazienti che dovevano sottoporsi all’intervento di asportazione del cancro alla mammella poteva apportare serie complicazioni e, per questo motivo, hanno optato per l’ipnosi.


La tecnica dell’ipnosi è stata svolta sulle pazienti che, oltre al  tumore al seno, avevano altre patologie gravi pregresse, problemi al cuore o all’apparato respiratorio.

Prima di sottoporre le donne all’ipnosi i medici hanno deciso di praticare l’anestesia locale al seno meno, invasiva rispetto a quella totale.

I medici dell’Istituto Curie di Parigi hanno reso noto che i 70 interventi sono perfettamente riusciti senza alcun tipo di complicazione per le donne che si sono sottoposte.

I ricercatori francesi, però, hanno anche reso noto che l’ipnosi può essere praticata solo al 33% dei malati perché in non tutte le persone riesce ad avere l’effetto sperato.

Sono in media 3 persone su 10  le persone sulle quali si può praticare l’ipnosi.

Secondo i medici dell’istituto Curie di Parigi  dal 5 al 10%  sono le persone sulle quali è impossibile praticare l’ipnosi.

Le pazienti che si sono sottoposte all’intervento chirurgico hanno dichiarato, subito dopo l’intervento, che non hanno sentito alcun dolore e, si ricordano che, durante l’intervento, hanno risposto ad alcune domande rivolte loro dall’equipe medica.