breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Nella barba di hipster si annidano 20 mila batteri

Nella-barba-di-hipster-si-annidano-20-mila-batteri

Una notizia, che, a pensarci bene, è di evidente comprensione ci arriva dall’Inghilterra, dove è stata portata avanti una ricerca che ha dato un risultato a cui, forse, potevamo arrivarci tutti: la barba, non certo quella rada, ma quando è folta è covo di batteri addirittura  in un numero davvero impressionante, ventimila.

Tale notizia, dicevamo frutto di una ricerca inglese è stata pubblicata anche su una rivista di rilievo, Anaestesia.

Questa ricerca ha avuto come obbiettivo quello di mettere sotto esame anche le mascherine adoperate dai chirurghi in sala operatoria sia quelle utilizzate dai dottori con la barba sia quelle utilizzate dai dottori senza barba e anche da medici donne.

Esaminate queste mascherine è emerso che quelle usate dai medici con la barba presentavano molti più batteri di quelle utilizzate dai medici senza barba; molti più batteri, nell’ordine di circa ventimila.

Il numero dei batteri presenti nelle mascherine degli uomini senza barba, invece, era più o meno simile a quello presente nelle mascherine delle donne.


Ottenuto questo risultato, si sono espressi a riguardo diversi medici, nello specifico tricologi, che hanno detto la loro a proposito della pericolosità di questi batteri.

La dottoressa Carol Walker, tricologa, ha affermato che gli uomini con la barba sono più a rischio di contrarre infezioni della pelle di quelli senza barba; e ancora che, tramite la barba, è più facile contrarre il raffreddore perché nella barba prolifererebbero germi tipo lo stafilococco del raffreddore.

Non è dello stesso avviso il Professor Pennington, il quale ritiene che non ci sia alcuna pericolosità nel portare la barba perché i germi che vivono nella barba sono quelli che vivono nelle pelle.