breaking-news, Italia

Cosenza, ragazzo di 16 anni muore mentre tenta di scavalcare balcone

Cosenza-ragazzo-di-16-anni-muore-mentre-tenta-di-scavalcare-balcone

Una terribile tragedia, per certi aspetti ancora da chiarire, è avvenuta a San Giorgio Albanese un piccolo paese della Sila a pochi chilometri da Cosenza. E’ stato trovato nella tarda notte di ieri il corpo di un ragazzo di soli sedici anni nelle vicinanze di un edificio in pieno centro in Via Matteotti.

Dalla prima ricostruzione dei carabinieri il ragazzo si sarebbe trattenuto con degli amici in un bar del paese per festeggiare l’epifania fino alle 2 di notte e poi si sarebbero perse le sue tracce.

A dare l’allarme della scomparsa del ragazzo sono stati i genitori che intorno alle 3 di notte, molto preoccupati per non ancora aver visto rientrare il ragazzo hanno chiamato il comando dei carabinieri. I carabinieri hanno iniziato le ricerche ed hanno trovato il corpo del ragazzo a terra in Via Matteotti dove forse da ore si trovava.

Sul posto sono giunte diverse pattuglie di carabinieri della vicina caserma di Corigliano che hanno iniziato ad indagare sulla morte del povero ragazzo. Sembra, dalle prime ricostruzioni, che il ragazzo sia caduto nel tentativo di salire su un terrazzino. I carabinieri stanno cercando di comprendere come mai il ragazzo si trovava in quella via che è molto distante da dove si trovava la sua abitazione.

I carabinieri hanno anche accertato che nessuno degli amici del ragazzo abita nella via dove è stato ritrovato il cadavere. Il nome del ragazzo non è stato reso noto, si sa solo che oggi sarebbe dovuto tornare a scuola in un liceo di Acri. Sgomento e incredulità tra gli amici della vittima da tutti definita un bravo ragazzo. Il pubblico ministero di Castrovillari, per comprendere come sia morto il giovane, ha disposto l’autopsia che sarà svolta nelle prossime ore.

I carabinieri di Corigliano in queste ore stanno sentendo i compagni di scuola del ragazzo che frequentano il terzo anno di liceo ad Acri e tutti coloro che hanno partecipato alla festa nel bar dove si trovava anche il giovane nella notte tra il 5 e il 6 gennaio.