breaking-news, Italia

Terremoti in tempo reale: oggi, 4 febbraio 2014, scosse Umbria e Toscana

Terremoti-in-tempo-reale-oggi-4-febbraio-2014-scosse-Umbria-e-Toscana

Oggi, 4 febbraio 2014, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma ha registrato tre nuove scosse in Umbria ed una in Toscana.

Gli eventi sismici avvenuti in Umbria sono stati di lieve entità ed hanno riguardato sembre l’area del bacino di Gubbio.

La prima scossa, di magnitudo 2.2, è avvenuta alle 1,42 di ieri notte ad una profondità di soli 8 chilometri dalla crosta terrestre.

Il secondo e il terzo evento sismico sono stati localizzati del distretto sismico del Metauro rispettivamente alle ore 3,49 di magnitudo 2.4 e alle ore 5,48 di magnitudo 2.1.

I comuni che hanno avvertito le tre scosse di terremoto in Umbria sono stati i seguenti: Gubbio, Pietralunga, Montone e Umbertide in provincia di Perugia e Apecchio, Cantiano, Piobbico in provincia di Pesari Urbino nelle Marche.

La zona di Gubbio in questo ultimo anno è l’area più colpita da eventi sismici in Italia, infatti, solo dagli inizi del nuovo anno sono stati più di cento le scosse di terremoto superiori a magnitudo 2.0 avvertite nel distretto della cittadina umbra .

Un’altra zona dell’Italia centrale oggi colpita da una lieve scossa di terremoto è stata la Lunigiana in Toscana dove è stata registrata una scossa di magnitudo 2.1 alle ore 1,46 ad una profondità di meno di un chilometro dalla crosta terrestre.

I comuni interessati dall’evento sismico sono stati i seguenti Casola in Lunigiana, Lunigiana, Fivizzano, Carrara, Massa, Comano, Montignoso tutti in provincia di Massa e Carrara.

La Lunigiana e la Garfagnana due zone attigue in Toscana l’anno scorso furono colpite da uno dei più forti terremoti dell’ultimo anno di magnitudo 5.2 che per fortuna non provocò gravi danni.

Anche alle Isole Lipari oggi vi sono state due scosse di terremoto avvenute rispettivamente alle ore 6,51 di magnitudo 2.5 e alle ore 9,15 di magnitudo 2.3.

I due eventi sismici registrati sulle Isole vicine alle coste siciliane non hanno provocato danni né a cose né a persone.