breaking-news, Italia, Salute & Benessere

Diabete scoperto cerotto intelligente che rilascia insulina solo quando serve

Diabete-ecco-il-cerotto-che-sostituisce-le-iniezioni-di-insulina

I valori dello zucchero presenti nel sangue tra pochissimo potranno essere misurati con un cerotto che prenderà pian piano il posto delle iniezioni. Il cerotto è stato studiato negli Stati Uniti d’America ed è dotato di 100 mini aghi che non producono dolore.

Il cerotto, inoltre, ha la capacità di intervenire nel caso i livelli di zucchero siano più alti del previsto sprigionando le cellule beta che riescono ad abbassare il livello di zucchero presente nel sangue. Il cerotto è già stato testato sui topi e si spera, quanto prima di farlo sull’uomo.

Novità importanti arrivano dagli Stati Uniti d’America dove è stato inventato un cerotto che può sostituire le iniezioni per i malati di diabete. L’importante scoperta è stata già più volte testata e presto potrebbe essere provata anche sull’uomo. I ricercatori americani dovranno verificare se il cerotto che contiene cento mini aghi potrebbe provocare in un paziente il rigetto.

Il cerotto non solo controlla i livelli di diabete ma è in grado anche di intervenire immediatamente se riscontra uno sfasamento dei valori grazie alle cellule beta.

Un cerotto grande quanto una moneta potrebbe tenere sotto controllo il diabete. Il cerotto che è stato inventato negli Stati Uniti d’America non solo riesce a misurare i livelli di zucchero presenti nel sangue ma anche a liberare nel sangue le cellule beta che hanno la capacità di far scendere e tenere sotto controllo i valori del diabete.

Un’invenzione che potrebbe essere molto importante per le tantissime persone che soffrono il diabete nel mondo che non dovranno più sottoporsi alle continue punture durante il giorno ma dovranno applicare un cerotto ogni 10 ore. I test che sono stati condotti su alcune cavie hanno prodotto risultati molto incoraggianti.

Gli studiosi americani, che hanno inventato il cerotto, ora dovranno svolgere ancora alcuni altri test per poi commercializzare in larga scala il prodotto.  Già un anno fa era stato inventato il cerotto per la misurazione del livello di diabete ma non aveva la capacità di liberare le cellule beta nel caso di valore alto di zucchero presente nel sangue. Le cellule beta sono prodotte in grosse quantità dal pancreas. Proprio però quando il pancreas non riesce a produrre un numero elevatissimo di cellule beta vi è l’insorgenza del diabete. Il diabete è una malattia molto diffusa che può essere ereditaria ma anche può formarsi per un regime alimentare sbagliato.

In tutto il mondo, un numero elevatissimo di persone soffre di diabete. Secondo i recenti dati diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono in 380 milioni le persone che al mondo combattono contro il diabete.

I malati che soffrono di diabete sono costretti ogni giorno a sottoporsi dalle due o tre dolorose punture per tenere sotto controllo il valore dello zucchero presente nel sangue. Il controllo del livello dello zucchero deve avvenire sette giorni su sette anche nei giorni festivi. Alcuni studiosi americani della università del North Carolina-Chapel Hill e North Carolina State hanno cercato di studiare come poter aiutare i malati di diabete a non essere più schiavi delle punture. I ricercatori americani sono riusciti a mettere a punto un cerotto che riesce ad avere le stesse funzioni delle punture. Il cerotto libera, nel sangue di chi è malato di diabete, le cellule beta che sono capaci di normalizzare il livello di zuccheri presenti nel sangue.

Il cerotto, che è stato scoperto dai ricercatori inglesi, ha la stessa funzione delle punture ma è molto più efficace e produce meno dolore.

La ricerca americana che ha portato alla scoperta dell’importantissimo cerotto che sostituisce le puntute è stata pubblicata sulla nota rivista scientifica Advanced Material.

Il cerotto ha dimensioni mini, è grande quando una moneta ed ha tantissimi aghi, più di cento, che hanno una grandezza pari a quella di una ciglia. Il cerotto riesce a contenere le cellule beta ed a sprigionarle, nel caso il livello dello zucchero presente nel sangue, sia alto.

I ricercatori americani hanno reso noto che per testare la validità del cerotto sono stati fatti numerosi test sui topi che hanno dimostrato l’efficacia del prodotto.

Già l’anno scorso gli stessi ricercatori inventarono un cerotto che era in grado di misurare il livello di insulina presente nel sangue grazie ai piccolissimi aghi presenti sulla sua superficie.

Il cerotto inventato un anno fa, però, non era in grado di iniettare nel sangue, in tempo reale, le cellule beta.

Il professor Zhen Gu, che è stato a capo del team di ricercatori che ha prodotto il nuovo tipo di cerotto, ha così commentato l’importanza della scoperta: “Il nostro studio fornisce una possibile soluzione al problema del rigetto che da tempo affligge il settore dei trapianti di cellule pancreatiche  . Inoltre dimostra che siamo in grado di costruire un ponte tra i segnali fisiologici all’interno del corpo e queste cellule terapeutiche al di fuori del corpo per mantenere i livelli di glucosio sotto controllo”.