Cuneo, ucciso con una coltellata alla giugulare dal figlio rumeno della compagna

0
792
Amanti-si-appartano-in-un-bosco-ma-durante-l-amplesso-lei-muore-d-infarto

Cuneo-ucciso-con-una-coltellata-alla-giugulare-dal-figlio-rumeno-della-compagna

Era conosciuto da tutti in paese Valerio Sottero, un uomo di 54 anni che è stato ferocemente ucciso intorno alla mezzanotte di ieri nella sua villa a Guarene, un piccolo paese in provincia di Cuneo. L’uomo era il proprietario di “Zoogarden” un negozio specializzato nella vendita di animali domestici.

L’uomo è stato ucciso da tre coltellate, una di queste gli ha reciso la giugulare. L’uomo è stato trovato dalle forze dell’ordine in una pozza di sangue. I carabinieri sono stati avvisati dell’omicidio da un vicino di casa. Sul posto dove è stato assassinato Valerio Sottero è giunta anche un’unità del pronto soccorso del vicino ospedale di Cuneo.

I medici non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’uomo. Sembra che ad uccidere Valerio Sottero sia stato Yosif Popovic un ragazzo di 20 anni , figlio della compagna del titolare del negozio di animali di Guarene. La madre di Yosif Popovic conviveva con Valerio Sottero da dieci anni, lo stesso ragazzo autore del terribile omicidio era residente con la madre e il fratello nella villa di proprietà di Sottero.

La madre e il fratello di Yosuf Popovic non erano nella villa quando è avvenuto l’efferato omicidio. Sembra che tra Valerio Sottero e Yosuf Popovic sia scoppia un violentissimo litigio al culmine del quale il ragazzo di origine romena ha accoltellato l’uomo.

Yosuf Popovic è stato arrestato e condotto nel carcere di Asti dove è stato sottoposto ad un lungo interrogatorio da parte del magistrato che segue le indagini. Il ragazzo di origine romene si è avvalso della facoltà di non rispondere. I carabinieri hanno sentito anche altre persone ed hanno provveduto a porre sotto sequestro la villa dove è avvenuto l’omicidio.

Nella villa dove è stato ucciso Valerio Sottero, oltre alla sua compagna e i suoi figli viveva anche il padre della persona assassinata. Gli inquirenti in queste ore stanno cercando l’arma del delitto che non è stata ritrovata nella villa dove è avvenuto l’efferato delitto.