breaking-news

Pugilato Bari: ancora una vittoria di Eva Magno della storica Palestra Portoghese

Bari-ancora-soddisfazioni-dal-pugilato-grande-vittoria-di-Eva-Magno della storica Palestra Portoghese

Grande soddisfazioni per il pugilato barese grazie alla vittoria di Eva Magno, appartenente alla storica Palestra Portoghese, alla seconda edizione del Guanto d’Oro d’Italia Femminile manifestazione che si è svolta a Marcianise in provincia di Caserta dal 25 al 27 aprile.

Tutto l’evento sarà trasmesso in differita a partire dalle 22,20 di domenica 4 maggio su rai sport 2 canale 58 della piattaforma del digitale terrestre.

Per chi non potrà comodamente seguire la manifestazione sul divano di casa potrà visionarla in streaming collegandosi tramite dispositivi mobili, quali smartphone, tablet e pc, sul sito www.rai.tv .

Le accese sfide tra gli atleti provenienti da tutta Italia si sono tenute presso il Centro Commerciale Campania in località Aurno di Marcianise.

L’evento è consistito in 14 match finali, di cui 7 riguardanti il prestigioso trofeo del Guanto d’Oro Femminile 2014.

La già campionessa italiana Eva Magno, di soli 24 anni, grande realtà della box tricolore, appartenente alla categoria Elite Iª Serie kg 54, non ha vinto ma ha stravinto il torneo collezionando 3 vittorie su 3 incontri combattuti dimostrando la sua classe sopraffina e la sua innata grinta.


Subito dopo l’ennesimo trofeo conquistato la campionessa barese, visibilmente commossa, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “dopo l’infortunio non avrei mai pensato di rititolarmi, è stata una sorpresa anche per me, avere alle spalle persone che credono in te è fondamentale. Ora sto rifinendo il mio allenamento per gli Universitari che mi vedranno a Milano dal 15 al 18 maggio e gli Assoluti Femminili a luglio.”

Eva Magno poi ha continuato le sue dichiarazioni parlando dei tre match disputati e dei suoi progetti futuri: “Il torneo si è confermato difficile, già dalle prime sfide.  Nel primo match, in programma venerdì 25, ho vinto alle preferenze (2-1) contro l’avversaria che temevo più delle altre, ovvero l’abruzzese Diletta Cipollone. Superato il primo ostacolo, ho dovuto affrontare un’altra valida avversaria: la laziale Desirè Galli, archiviando il match con un’altra vittoria (3-0). Giunta in finale, sul ring, ho portato con me tutta l’esperienza accumulata in questi anni, la determinazione e la voglia di vincere; contro Anna Lisa Brozzi (Olimpyc Romans Boxe Asd), si è materializzato un altro 3-0: poi abbiamo iniziato la festa. Approfitto, per ringraziare tutti, in particolar modo il mio maestro Antonio Portoghese e Raffaella Rossini: mi sono stati accanto e mi hanno aiutata nella preparazione del torneo dal punto di vista atletico, tecnico e psicologico, soprattutto per mettermi definitivamente alle spalle, il brutto infortunio subìto nell’ottobre scorso. Ovviamente un ringraziamento alla mia famiglia e agli amici che durante le gare e prima, mi hanno sempre fatto sentire il loro appoggio. Adesso continuo a continuo a godermi la soddisfazione della vittoria ma il pensiero comincia ancora una volta a proiettarsi verso l’obiettivo personale chiamato Olimpiadi».