breaking-news, Italia

Ultimi sondaggi politici elettorali europee 2014: giù FI, balzo in avanti M5S, tiene Pd

Ultimi-sondaggi-politici-elettorali-europee-2014-giù-FI-balzo-in-avanti-M5S-tiene-Pd

Sale l’attesa per il verdetto che uscirà fuori dalle urne il 25 maggio prossimo.

Solo otto giorni è si saprà quale sarà come sarà composta la delegazione italiana che andrà a Bruxelles.

In palio, in queste elezioni, non vi è solo la supremazia a livello europeo ma anche il prossimo futuro politico dell’Italia.

Anche se Matteo Renzi, attuale Presidente del Consiglio, ha da sempre dichiarato che una eventuale sconfitta del suo partito il Pd alle prossime elezioni non cambierebbe la sua posizione.

Di fatto una debacle del Partito Democratico, se pure remota secondo i sondaggi pre stop elettorali, metterebbe in serio pericolo la stabilità del governo targato Renzi e soprattutto la leaderchip dell’ex sindaco di Firenze  all’interno del partito, con la minoranza capeggiata da Civati e Cuperlo pronta a ricominciare la lotta interna contro l’attuale segretario del partito.


L’unico partito che al momento potrebbe contrastare l’avanzata del Pd è il Movimento Cinque Stelle che secondo le ultime rilevazioni si attesterebbe al 25,6% delle intenzioni di voto distanziato dal Partito Democratico forte del 33% dei consensi.

La storia insegna che proprio alle scorse elezioni il distacco tra i due partiti era ancora più accentuato, circa 10 punti percentuali di differenza, ma alla fine a privilegiare, fra lo stupore e l’incredulità generale  fu proprio il movimento cinque stelle che anche con un distacco risicatissimo dell’0,1% riuscì ad essere il primo partito in Italia.

Fuori da qualsiasi gioco è Forza Italia che dopo un ventennio di grandi lustri sembra pian piano scendere nei sondaggi e patire il tramonto del suo leader carismatico Silvio Berlusconi attendasi solo intorno al 19% dei consensi.

Secondo le ultime previsioni riuscirebbero a superare lo sbarramento del 4% ed eleggere rappresentanti al parlamento europeo il Nuovo Centrodestra che si attesterebbe al 6,5% delle intenzioni di voto e la Lega Nord al 5,4% dei sondaggi.