breaking-news, Italia

Beppe Grillo: sul blog denuncia possibili brogli alle europee

Beppe-Grillo-denuncia-brogli-alle-europee-per-sfavorire-il-M5S

Beppe Grillo anche se non lo ammetterà mai questa cocente sconfitta alle elezioni europee non la mandata proprio giù.

Il comico genovese era sicuro, confortato dai sondaggi dell”ultima ora, di potersela giocare almeno alla pari con il Pd fino all’ultima scheda.

Invece i sondaggi che tradirono alle elezioni europee il Partito Democratico questa volta hanno tradito gli uomini del Movimento cinque Stelle.

Beppe Grillo torna a postare qualcosa sul suo blog dopo un breve periodo di silenzio conciso con la petizione ideata da un iscritto di Bari del Movimento Cinque Stelle che aveva come oggetto la rideterminazione  del ruolo del comico genovese all’interno del movimento.

Grillo commenta il risultato delle elezioni europee che per il Movimento Cinque Stelle è stato deludente dopo che gli ultimissimi sondaggi davano i grillini vicinissimi a bissare il successo delle elezioni politiche dello scorso anno.

Ma lo spoglio ha sentenziato valori notevolmente differenti con il Partito Democratico di Renzi che addirittura si attestato al 41,5% dei consensi quasi doppiato le preferenze del Movimento Cinque Stelle fermo al 21,5%.

Grillo nel post di oggi sul suo blog racconta la storia italiana dei brogli elettorali già esistiti nell’epoca medioevale e conclude che vi è più di un dubbio che anche nelle scorse elezioni vi siano stati dei brogli ed una compravendita di voti.

Il comico sostiene che molti scrutatori dei seggi delle ultime elezioni sono dei parenti di chi aveva il compito di selezionarli e che quindi possono avere interessi simili fra loro.

Grillo sostiene che esistono dei software in grado di stabilire in pochi secondi che grado di parentale vi è tra due persone.

Questi programmi vengono utilizzati da vari reparti di polizia che indagano su reati internazionali.

Inoltre secondo il leader del M5S si dovrebbe studiare un sistema che permetta di essere sicuri che la scheda consegnata all’elettore sia la stessa che finisca nell’urna senza possibilità di essere sostituita con schede precompilate.