Mattia Santori leader delle Sardine, “Berlusconi meglio di Salvini, il programma del leader della Lega non è mai esistito”, su Di Maio “E’ istituzionalmente intelligente”

0
1387

Mattia Santori è richiestissimo come ospite da tv e radio. Il leader delle Sardine è stato ospite anche di “Un giorno da Pecora” su Rai Radio 1 e ha parlato del suo Movimento e degli obbiettivi che si prefigge.

A “Un Giorno da Pecora” Mattia Santori ha risposto a tutte le domande che le sono state fatte. La prima è stata su Di Maio e su cosa ne pensasse del ministro degli esteri.

Il leader delle Sardine ha definito Di Maio un politico “istituzionalmente elegante” e inoltre a Mattia Santori piace il linguaggio politico utilizzato dal capo politico del Movimento Cinque Stelle.

La stessa domanda i conduttori l’hanno fatta su Giuseppe Conte e Mattia Santori ha risposto che è una figura politica che non dispiace anche se lui non ha fatto tutto bene.

Poi Mattia Santori parla dei suoi avversari politici in particolare di Silvio Berlusconi e Matteo Salvini. Il leader delle sardine dice di preferire Berlusconi: “Berlusconi ha fatto meno danni a livello di tessuto sociale in Italia, aveva un approccio meno divisivo”.

Poi l’ennesimo attacco duro a Salvini: “Il programma politico di Salvini mi sembra non sia mai esistito ha questi tre punti, i soliti tre temi su cui crea consenso”.

Dice, inoltre, di non apprezzare nemmeno il linguaggio politico “Di Fratelli d’Italia, con tutta questa propaganda fatta di slogan e trucchetti”.

Mattia Santori ha evitato poi domande sulla possibile creazione di un partito anche se ha detto che il movimento si colloca chiaramente a sinistra.

In Emilia Romagna presenteranno una serie di proposte a Bonaccini per dare un volto nuovo alla regione.

Poi conclude Mattia Santori dicendo che per la manifestazione a Roma del 14 dicembre si prevede l’arrivo da tutta Italia di 100 mila sardine: “L’evento si chiama 100mila Sardine, quindi almeno centomila. Ma le piazze delle Sardine sono sempre un enigma: finora è andata bene, vediamo”.