Italia

Mattia Santori, leader delle Sardine, da Lucia Annunziata: “No a 20 anni di Salvini, il Pd ci sta dando più ascolto di altre forze politiche”

Mattia Santori è stato ospite di Lucia Annunziata a Mezz’Ora in Più su Rai Tre. Il leader delle Sardine ha parlato della possibilità di far svolgere il congresso del Movimento l’8 marzo, giorno della Festa della Donna.

La data secondo Mattia Santori può essere quella ideale anche perché il Movimento secondo quanto detto dal leader delle Sardine è anche molto femminile.

Poi la solita polemica sul leader della Lega “Il movimento delle Sardine si opporrà a 20 anni di Salvini”.

Santori ha voluto nuovamente precisare che dopo le elezioni in Emilia Romagna si aprirà la terza fase del Movimento delle Sardine: “Allo Spin Time, lo stabile occupato a Roma, abbiamo definito un calendario. Dopo il voto in Emilia si apre una terza fase, per tornare a una dimensione nazionale e dare una struttura al movimento. Ci prenderemo il mese di febbraio per dialogare con i territori e arrivare a fare una proposta di organizzazione a inizio marzo, per lanciare un messaggio unitario, non frammentato, dare delle linee guida, creare dei referenti, iniziare a capire una linea politica dalle tante sfaccettature del movimento”.

Mattia Santori ha anche parlato della recente frase ad effetto di Nicola Zingaretti. Il segretario del Pd ha affermato che sempre dopo le elezioni regionali in Emilia Romagna darà vita a un nuovo partito e vorrebbe che alla fase di costituzione della nuova forza politica partecipassero anche gli organizzatori delle Sardine.

Mattia Santori ha detto che Zingaretti è stato l’unico politico a mostrare interesse nei confronti delle Sardine ma “è troppo presto capire se partecipare a questo processo di ricostruzione o no”.

Santori ha spiegato perché, al momento, non sa dire se il movimento delle Sardine potranno partecipare alla ricostruzione del centrosinistra: “Dobbiamo ancora capire, cosa significa fare politica in stretto, conoscerci noi. E anche il Pd deve capire come presentarsi in un processo di ricostruzione di questo tipo. Ci ha fatto riflettere ed è utile: c’è chi è più diffidente, chi più positivo ma c’è riflessione. Ma è presto per noi per presentarci a un congresso di ricostruzione del centrosinistra”.