Italia

Giorgia Meloni duro affondo alle Sardine “Prima attaccano i poteri forti, poi fanno la foto con Luciano Benetton”

Una foto che ha fatto parecchio discutere quello dei leader delle Sardine, in primo piano Mattia Santori, con Luciano Benetton e Oliviero Toscani.

Luciano Benetton è a capo delle tante criticate Autostrade S.p.A.  e Atlantia.

A rimarcare e attaccare duro le Sardine ci ha pensato Giorgia Meloni con un post su Facebook nel quale è postata la foto oggetto di tante critiche con il seguente commento: “Le sardine alla corte di Luciano Benetton, capo della famiglia che controlla Atlantia e Autostrade spa. Finisce nel ridicolo la favola del ‘movimento’ popolare, spontaneo e alternativo ai poteri forti”.

Ad attaccare le Sardine sempre per la foto resa pubblica ci ha pensato il viceministro dello sviluppo economico il grillino Stefano Buffagni: “Le sardine in pellegrinaggio nel mondo dei Benetton con tanto di foto con Luciano… Noi certi mondi li abbiamo sempre combattuti, dopo il crollo del ponte di Genova e le 43 vittime ancor di più…”

La risposta delle Sardine non si è fatta attendere: “Una foto non fa primavera. Ieri siamo andati a visitare Fabrica. Si tratta di un centro di formazione per giovani comunicatori creato da Oliviero Toscani e Luciano Benetton, che ospita ragazzi e ragazze da tutto il mondo mettendo a disposizione borse di studio e lavoro. Un centro di innovazione culturale fondato nel 1994 che ha sede in quella che è la prima opera dell’architetto Tadao Ando in Europa. Un luogo suggestivo dove i concetti di comunicazione, creatività e innovazione si intrecciano con temi delicati quali immigrazione, HIV e violenza di genere. Uno spazio creato appositamente per stimolare il pensiero alternativo e il rinnovamento culturale in un paese come l’Italia, spesso attaccato per la sua staticità. La visita è stata organizzata su invito di Oliviero Toscani per avviare un confronto con i ragazzi e ragionare su come innovazione e comunicazione politica possano dialogare e aiutarsi a vicenda. I protagonisti dell’incontro sono stati i ragazzi: è stata l’occasione per scoprire che vi sono alcuni temi politici che preoccupano molti giovani dall’India agli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna al Brasile, dall’Italia alla Francia. Alla fine dell’incontro è passato Luciano Benetton per salutare e ascoltare parte del dibattito. Quando i ragazzi ci hanno chiesto di fare una foto di gruppo ci è sembrata una richiesta legittima. Non abbiamo pensato che quella foto sarebbe stata strumentalizzata per associare le sardine ai poteri forti, alle concessioni autostradali, alle tematiche sociali e ambientali legate alla produzione industriale di abbigliamento nel mondo. Deluderemo chi ci ritiene in grado di riaprire la trattativa tra governo e Autostrade per l’Italia in sole quattro ore. Deluderemo chi pensa che incontrare dei ventenni interessati al legame tra creatività e tematiche politiche sia un endorsement a un modello di sviluppo che in tante occasioni ha dimostrato di essere non sostenibile. Ci dispiace per tutte le sardine che in queste ore hanno dovuto rispondere ad attacchi che nulla hanno a che vedere con lo spirito di questo incontro. Mattia, Andrea, Giulia, Roberto”

All’incontro hanno partecipato quattro leader del Movimento, Mattia Santori, Andrea Garreffa, Roberto Morotti e Giulia Trappoloni.