Italia

Coronavirus e le mascherine introvabili, il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio le ha regalate alla Cina

Sembrano introvabili le mascherine. Le richieste da parte dei medici e delle forze dell’ordine sono tantissime m sembra che le mascherine scarseggino e che le scorte stiano addirittura terminando.

Secondo quanto riferito a “Il Giornale” da Andrea Spasciani, proprietario di una ditta che commercializza. Il problema è che le mascherine vengono prodotte per la maggior parte proprio in Cina e che subito dopo si è intensificata in quel paese la propagazione del Coronavirus sono iniziate a scarseggiare sia nei magazzini europei che in quelli americani.

Secondo quanto riferito dallo stesso industriale “dalla prima settimana di febbraio i magazzini europei e americani sono vuoti”.

In Italia ha “favorire” lo scarseggiare delle mascherine è stato anche il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio che i primi giorni di febbraio ha regalato 2 mila tonnellate di materiale sanitario alla Cina tra cui le agognate mascherine.

Secondo quanto riferito da “Il Giornale” una scelta sbagliata. La scelta sbagliata è stata denunciata da alcuni ospedali italiani (Bari e Palermo).