breaking-news, Gossip & Spettacolo, Italia

Premio Campiello 2014: vince un outsider Giorgio Fontana con “Morte di un uomo felice”

Premio-Campiello-2014-vince-un-outsider-Giorgio-Fontana-con-“Morte-di-un-uomo-felice”

Grande sorpresa per la vittoria di Giorgio Fontana al premio Campiello del 2014.

Erano in pochi che si  aspettavano la vittoria di questo giovane scrittore di soli 33 anni che è riuscito a battere una concorrenza spietata con il suo libro “Morte di un uomo felice”.

Giorgio Fontana, era il meno anziano dei cinque finalisti, con soli 33 anni di età ma è riuscito ad imporsi con 107 voti su 291.

Il suo libro “Morte di un uomo felice” è ambientato negli anni ottanti ed incentrato sulla figura di Giacomo Colnaghi che di professione è un magistrato che per il suo lavoro è costretto a vivere lontano dalla moglie e i suoi figli.

La sua professione, Giacomo Colnaghi, la svolge a Milano.

Il magistrato Giacomo Colnaghi indaga su un omicidio ma la sua mente ricorda un triste evento che gli è rimasto impresso la morte del padre partigiano avvenuta quando era giovanissimo.

Giorgio Fontana è uno dei più giovani vincitori da quando nel 1962 è stato istituito il premio Campiello.

Il giovane scrittore è un fan sfegatato dei Mettalica ed è una grande lettore di fumetti ed è nato a Saronno,  lavora da tempo in un agenzia di software e la sera si diverte a scrivere.

Giorgio Fontana subito dopo la proclamazione come vincitore del premio Campiello 2014 ha rilasciato alla stampa le seguenti dichiarazioni:  “Quello che più mi stava a cuore è il rapporto tra padre e figlio a cui sono legati temi come la riflessione sulla giustizia e il rapporto fra generazioni. Ho fatto un lavoro di ricerca molto grosso e ho usufruito del distacco che mi può dare non aver vissuto quegli anni. Grazie di cuore alla giuria dei Letterati, dei lettori. Al mio editore Sellerio. Lo prendo come una pacca sulla spalla per lavorare meglio. Come diceva Stephen King quando si scrivere bisogna chiudere la porta e lasciare tutto dietro di se però poi quando si apre la porta e non trovi nessuno ci rimani male”.

Secondo in classifica è arrivato Michele Mari con un distacco di 33 voti con il suo libro ‘Roderick Duddle’ che  è un romanzo che racconta una storia di pirati  che in totale ha ricevuto 74 preferenze.

Terzo Mauro Corona con 43 voti, mentre quarto si è piazzato Giorgio Falco con il libro “La gemella H” con 36 voti.