breaking-news, Italia, Salute & Benessere

L’orzo ha le proprietà di riparare il cuore dopo l’infarto

L-orzo-ha-le-proprietà-di-riparare-il-cuore-dopo-l-infarto

Un nuovo studio italiano portato a termine dai ricercatori  dell’Istituto di Scienze della Vitadella Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ha evidenziato che cibarsi di orzo può essere importantissimo per il cuore infartuato determinando pian piano la sua guarigione.

L’orzo, secondo i medici pisani, ha delle proprietà naturali che favoriscono il formarsi di nuovi vasi sanguini che consentono al cuore di recuperare tutte le sue funzioni dopo essere stato colpito da un infarto.

Il cereale ha questa importante capacità perché contiene una proteina, la beta-glucano, che ha la capacità di aumentare le autodifese del cuore ed il valore nel sangue di un enzima, il  manganese superossido dismutasi ,che ha una capacità quasi unica di riformare i vasi sanguigni  dopo un infarto.


Il direttore del centro di ricerche di Pisa, il dottor Vincenzo Lionetti ha così illustrato i risultati dello studio:  “L’endotelio che riveste le coronarie di un uomo adulto difficilmente genera nuovi vasi in un cuore infartuato. La scarsa capacità “angiogenica” delle cellule endoteliali adulte è anche alla base della scarsa capacità auto-riparativa del cuore adulto. I meccanismi alla base di tale insufficienza sono oggetto di intensa ricerca da parte della comunità scientifica internazionale.Fino a oggi non era noto se un’aumentata espressione dell’enzima “Manganese superossido dismutasi” (MnSOD) nelle cellule endoteliali mature riuscisse a incrementare la capacità di generare nuovi vasi sani, senza richiedere l’intervento di cellule progenitrici endoteliali o di cellule staminali, e se questo risultato fosse possibile conseguirlo mediante il trattamento con composti naturali di tipo vegetale. Invece, la natura spesso offre i rimedi per molte malattie, come il danno cardiaco da infarto, ma occorre cercarli. I risultati incoraggiano lo sviluppo di nuovi approcci rigenerativi e anti-invecchiamento di tipo nutraceutico”.

I fattori che determinano l’insorgenza di una patologia così diffusa come l’infarto sono il fumo che è una delle cause che causa l’occlusione dell’arterie, la presenza di grassi nel sangue e il colesterolo.

Per evitare gravi problemi cardiaci è essenziale condurre una vita sana senza troppi eccessi controllando soprattutto dopo una certa età di non diventare obesi e non cibarsi di alimenti con alto contenuto calorico e di grassi e di bevande con molto zuccherate.

La prevenzione è anche determinate cercando di sottoporsi spesso a esami del sangue e tenere costantemente monitorato il proprio cuore con elettrocardiogrammi che consentono di comprendere se vi sono i primi sintomi di infarto.