breaking-news, Italia, Sport & Tecnologia

Ufologi notano da foto sonda Rosetta su cometa”manufatti” artificiali

Ufologi-notano-da-foto-sonda-Rosetta-su cometa-"manufatti"-artificiali

Una notizia sconcertante arriva dal mondo degli ufologi.

L’Ing. Ennio Piccaluga e il dottor Angelo Carannante, i due massimi dirigenti del   C.UFO.M, Centro Ufologico Mediterraneo, hanno riscontrato nelle prime foto inviate dalla sonda Rossetta, subito dopo l’incredibile e storico atterraggio sulla cometa  Churyumov-Gerasimenko, qualcosa di molto strano ed anomalo.

I due esperti in ufologia, grazie anche alla collaborazione di Angelo Maggioni, hanno riscontrato che sulla superficie della cometa sembra che vi siano delle vere costruzioni artificiali.

Gli studiosi hanno definito le strutture artificiali “dei manufatti” che hanno le sembianze in alcune foto di una tenda.


Sul sito dell’associazione è stato pubblicato un articolo nel quale vengono minuziosamente spiegate le foto esaminate e il perché si crede che sulla cometa vi siano delle costruzioni artificiali che non hanno nulla a che fare con la morfologia del corpo celeste.

I due ufologi, spiegano nell’articolo, che la tenda visibile sulle primissime foto inviate da Rosetta ha le sembianze di: “…  involucro liscio, che potremmo ipotizzare di natura artificiale e magari gonfiato dalla pressione interna sicuramente più elevata rispetto a quella del vuoto cosmico …”

Un altra foto molto interessante mostra un altro oggetto che sembra una costruzione a forma di un triangolo con i suoi lati molto lisci.

Il manufatto a forma di tenda, secondo gli ufologi è impossibile possa appartenere alla superficie della cometa “Churyumov-Gerasimenko”.

L’articolo sul sito inoltre mostra un’altra foto dove, sempre secondo le spiegazioni dell’Ing. Ennio Piccaluga e il dottor Angelo Carannante,  sembra che ci sia “… un oggetto perfettamente cilindrico che, sembra, si discosta cromaticamente da tutto ciò che c’è intorno … stranamente, la sua ombra non sembra conforme nè con l’oggetto che dovrebbe produrla, nè con le ombre circostanti …”.

I due ufologi ritengono che non sia possibile che tutto derivi da effetti ottici derivati dalle foto e che sicuramente gli scienziati che esamineranno milioni di foto provenienti dalla sonda Rosetta potranno dare una spiegazione attendibile.

Certo che la sonda Rosetta solo con le prime sue foto inizia già a far discutere.