breaking-news, Italia

Rumeno ubriaco investe madre e figlia, processato è in libertà

Rumeno-ubriaco-investe-madre-e-figlia-processato-è-in-libertà

Una donna che lotta tra la vita e la morte e la figlia di soli sei anni che è ricoverata in ospedale in gravi condizioni.

Questo è il bilancio di un incidente provocato da un uomo ubriaco di soli 27 anni di origine rumena che conduceva un auto di grossa cilindrata.

L’incidente è avvenuto a Ceprano, un paesino in provincia di Frosinone.

L’uomo aveva bevuto qualche bicchiere di troppo ed aveva comunque deciso di mettersi alla guida.

Le forze dell’ordine intervenute sul posto hanno  ricostruito l’incidente ed hanno stabilito che l’auto condotta dal rumeno all’improvviso, forse per l’alta velocità, ha iniziato a sbandare paurosamente.


In quell’attimo è arriva dall’altra corsia un auto condotta da una donna di 47 anni che aveva come passeggera la figlia di soli 6 anni.

La donna, per cercare di evitare l’impatto con l’auto condotta dal giovane rumeno, ha frenato bruscamente e non ha potuto evitare l’impatto con un grosso albero.

Il rumeno accortosi della gravità dell’incidente non si è preoccupato di soccorrere la povera donna e la bambina e si è allontanato dal posto dove era accaduto il terribile incidente lasciando lì anche la sua auto.

Il rumeno aveva pensato di riprendere il suo veicolo dopo che le due donne erano state soccorse e non c’erano più tracce del tragico incidente.

Infatti, l’uomo dopo qualche ora è tornato sul posto dove era successo l’incidente per riprendere la sua auto ma ha trovato le forze dell’ordine che lo hanno arrestato ed accompagnato in caserma.

Le due donne sono state soccorse dai medici del 118 e sono state trasportate in due ospedali diveri, la donna di 47 anni al policlinico Umberto I di Roma, mentre la bimba è ricoverata nel plesso ospedaliero di Frosinone.

La donna versa in condizioni gravissime, la figlia, invece, non rischia la vita.

Il rumeno è stato processato per direttissima ed i giudici hanno deciso di concedergli la libertà vigilata con l’obbligo di firma.