breaking-news, Italia

Napoli, bambina di 8 mesi muore subito dopo che è stata dimessa

Napoli-bambina-di-8-mesi-muore-subito-dopo-che-è-stata-dimessa

A Napoli, per cause in via ancora di accertamento, è morta una bambina di soli 8 mesi.

La piccola era stata ricoverata all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli per alcuni accertamenti in seguito a problemi respiratori.

I medici dell’ospedale pediatrico hanno deciso di dimettere la bambina che è tornata a casa con i genitori.

Le dimissioni della bambina sono avvenute il 12 febbraio scorso ma, tornata a casa, le condizioni di salute della piccola sono peggiorate.

I genitori hanno deciso di trasportare la piccola figlia nuovamente presso il plesso ospedaliero Santobono.

La bambina è giunta all’ospedale napoletano quando oramai non c’era più nulla da fare ed i medici del più grande centro pediatrico del sud d’Italia non hanno potuto far altro che constatarne la morte.


I genitori hanno deciso di depositare un esposto al tribunale di Napoli sulla terribile vicenda ed i giudici del tribunale di Napoli hanno aperto un’inchiesta per comprendere se ci sono delle responsabilità dei medici del plesso ospedaliero Santobono per l’improvvisa morte della piccola.

Il magistrato titolare dell’indagini ha disposto il sequestro della cartella medica della piccola.

In queste ore i magistrati hanno ascoltato il pediatra della bimba e a breve ascolteranno anche i genitori della piccola di 8 mesi morta per problemi respiratori.

I magistrati ascolteranno anche i medici dell’ospedale pediatrico Santobono che hanno tenuto in cura la piccola.

I magistrati che conducono le indagini sulla morte della piccola, per comprendere i motivi che hanno causato la morte, hanno disposto l’autopsia sul corpo della bambina.

La piccola è stata trasportata presso l’Ospedale pediatrico Santobono l’8 febbraio e subito dopo i medici del plesso ospedaliero hanno optato per il ricovero della bambina per problemi respiratori.

Dopo cinque giorni di ricovero la piccola è stata dimessa.

I genitori hanno dichiarato che subito dopo il loro rientro con la piccola a casa hanno riscontrato nuovamente i problemi respiratori e l’aggravarsi delle condizioni di salute della bambina.